Home > I Paesi > Avvisi particolari > Dettaglio avvisi particolari

Avvisi particolari

Israele Israele

Diffuso il 16.11.2012.

Rimane il rischio di attentati terroristici in tutto il Paese. Si suggerisce quindi di attenersi scrupolosamente, durante la permanenza, alle misure cautelative indicate alla voce "Sicurezza" della scheda.
Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito Dove siamo nel mondo e di sottoscrivere un'assicurazione che copra anche le spese sanitarie e lĺeventuale trasferimento aereo in altro Paese o il rimpatrio del malato.
Ai connazionali che risiedono stabilmente in Israele per motivi di lavoro o affari si suggerisce di segnalare la propria presenza all'Ambasciata in Tel Aviv indicando indirizzo (in loco ed in Italia) e recapiti (inclusi e-mail e numero di cellulare), nonchÚ il periodo di permanenza nel Paese, anche ai fini dell'inserimento del piano di emergenza dell'Ambasciata e per ricevere comunicazioni di emergenza via e-mail e/o SMS.

Aree problematiche 

 Alla luce della crisi in corso, si rinnova l'invito ad evitare le zone a sud del Paese e quelle adiacenti alla Striscia di Gaza, che sono regolarmente destinatarie di lanci di razzi e colpi di mortaio la cui gittata si tende normalmente fino ad un raggio di circa 45 km, ma che hanno interessato anche l'area Tel Aviv e Gerusalemme. In particolare, si raccomanda vivamente di evitare le zone di Beĺer Sheva, Ashkelon, Ashdod e Sderot, di avere chiare le locali procedure di  sicurezza, di poter sempre accedere con breve preavviso a bunker anti-bomba e di consultare regolarmente gli organi di informazione.
Permangono tensioni al confine con il Libano che impongono di muoversi con la massima prudenza nelle aree prossime al confine settentrionale israeliano e di attenersi scrupolosamente alle raccomandazioni sulla sicurezza emanate dalle AutoritÓ israeliane.
Si raccomanda  di evitare le localitÓ ai confini con il Sinai, dove si registrano attivitÓ criminali e la possibile presenza di cellule terroristiche.
Si suggerisce di prestare speciale attenzione nel corso di viaggi nel Golan a causa della diffusa presenza di campi minati (segnalati).

Controlli alla frontiera

- Sul sito dell'Israel Airports Authority: http://www.iaa.gov.il/Rashat/en-US/Borders/ si possono reperire informazioni circa i giorni e gli orari di apertura dei posti di confine terrestri.
- I controlli di sicurezza in aeroporto - sia in arrivo sia in partenza - possono talvolta durare a lungo ed essere assai approfonditi e persino molto invasivi.
- In talune recenti occasioni le AutoritÓ di sicurezza israeliane hanno richiesto a viaggiatori di rivelare le password di accesso ad account e-mail privati ed a siti di social networking per effettuare verifiche immediate avvalendosi dei laptop degli interessati. In caso di rifiuto, i viaggiatori sono stati respinti.
- Sono frequenti i respingimenti alla frontiera di individui valutati non in grado di fornire adeguati chiarimenti circa contatti con controparti palestinesi all'origine del loro viaggio.  
- Le AutoritÓ israeliane non riconoscono il passaporto collettivo italiano come documento valido per lĺingresso in Israele.
-  Alla luce della situazione in corso in Egitto, benchÚ non vi siano al momento cambiamenti per quanto riguarda i passaggi alla frontiera israelo-egiziana di Taba, appare prudente evitare di passare per il Sinai.
- Agli stranieri entrati nella Striscia di Gaza dal valico di Rafah, al confine con l'Egitto, non Ŕ consentito proseguire per Israele attraverso il valico di Erez. Solo gli stranieri che entrano a Gaza da Erez, possono tornare in Israele dallo stesso valico, sempre che siano muniti di visto valido per due o pi¨ ingressi in Israele o siano esenti da visto.
- Si segnalano le disposizioni delle AutoritÓ locali aventi come oggetto viaggiatori con legami di parentela con palestinesi alla voceôVistoö della scheda del sito www.viaggiaresicuri.it. A tale riguardo si suggerisce di contattare, prima della partenza per il Paese, le Rappresentanze diplomatico-consolari israeliane presenti in Italia per verificare se il programma di viaggio possa creare problemi al momento dell'ingresso in Israele.

Si fanno presenti gli obiettivi rischi incorsi tentando di recarsi via mare verso la Striscia di Gaza violando il blocco navale israeliano. LĺAmbasciata d'Italia in Tel Aviv non Ŕ in grado di garantire a detti viaggiatori adeguata assistenza consolare.

(Vedere anche Avviso e Scheda Territori Palestinesi).

 




Avvisi particolari

Consulta l'archivio per anno:

 

2014 2013
    2012
      2011
        2010
          2009
            2008
              2007
                2006

                  Focus

                  Leggi gli approfondimenti sugli argomenti pi¨ importanti