Dati del paese

bandiera della Georgia Georgia (GE) - Europa/Asia
  mappa della Georgia

Capitale: TBILISI  
Popolazione: 4.571.000 (stima)    
Superficie: 69.700 Km²
Fuso orario: +2 ore (o +3: la Georgia non ha il sistema di ora legale) rispetto all'Italia

Lingue:  lingua ufficiale: georgiano. Il russo e (in maniera minore ma crescente) l’inglese sono le principali lingue veicolari con gli stranieri.

Religioni: cristiana ortodossa, minoranze di musulmani e di altre fedi cristiane.  

Moneta: Lari georgiano (GEL)

Prefisso per l'Italia: 0039  
Prefisso dall'Italia: verso i telefoni fissi di Tbilisi: digitare 00995-32 ed a seguire l’utenza urbana (che inizia sempre con 2); verso gli altri telefoni fissi: 00995 + (prefisso di città) + numero; verso i cellulari: digitare 00995 ed a seguire il numero di cellulare (che inizia sempre con 5).

Telefonia: la rete cellulare è coperta dagli operatori Magti (http://www.magtigsm.ge/), Geocell (http://www.geocell.ge/) e Beeline (http://www.beeline.ge/)  La copertura è buona su quasi tutto il territorio georgiano. È possibile utilizzare il cellulare italiano in roaming (ma per i necessari arrangiamenti è consigliato consultare i rispettivi servizi clienti prima di recarsi in Georgia).

 

Meteo

 Dati meteo non disponibili

 

Ambasciate e Consolati

Ambasciata d’Italia a TBILISI:
Chitadze 3/A
0108 Tbilisi
Tel.: +995 32 2996 418
Fax: +995 32 2996 415
E-mail: consolato.tbilisi@esteri.it; embassy.tbilisi@esteri.it 
Home page: www.ambtbilisi.esteri.it
Numero cellulare di emergenza:
dall'Italia:  +995 595 500 206 
dalla Georgia: 595 500206 (da cellulare) 0 595 500206 (da rete fissa)
IMPORTANTE: il numero di emergenza va utilizzato soltanto per questioni relative alla sicurezza.

  1. vai al sito

 

Indirizzi utili




Polizia pronto intervento, Vigili del Fuoco, Pronto soccorso ed emergenze: 112
Sito del Ministero dell’Interno: www.police.ge/?Ing=eng

 

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Georgia

Avvisi particolari

Diffuso il 23.04.2014. Tuttora valido.

Si ricorda che l’attraversamento del confine amministrativo tra la Russia e le regioni separatiste dell’ Abkhazia e dell’Ossezia del Sud costituisce una violazione della legge georgiana sui territori occupati, punibile con una multa, ovvero con la reclusione dai due ai quattro anni. Nei casi in cui la violazione sia commessa da gruppi o da recidivi, la legge prevede la reclusione dai due ai cinque anni.
Si ricorda infine che il Governo italiano non riconosce le Autorità “de facto” delle suddette regioni, e non può pertanto assicurare il consueto livello di assistenza ai connazionali in difficoltà.

Nonostante la situazione nel Paese rimanga in generale calma, e benché non si siano registrati incidenti gravi ai danni di cittadini stranieri, si continua a raccomandare cautela, evitando luoghi di eventuali manifestazioni o di assembramenti politici.

Non sembrano probabili, almeno nell’imminenza, scoppi di nuove ostilità con le regioni separatiste dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia, verso le quali si continua comunque a sconsigliare viaggi a qualsiasi titolo. Anche considerati alcuni gravi episodi di tensione verificatisi nel 2012 all’interno delle due regioni, è, infatti, altamente sconsigliato recarsi nei territori non controllati dal Governo georgiano, di cui lo Stato italiano non riconosce le Autorità de facto, e in cui pertanto per il Ministero degli Esteri e l’Ambasciata d’Italia sarebbe difficile garantire il normale livello di assistenza ove ciò si rendesse necessario. Ai sensi della Legge georgiana “sui Territori Occupati” del 23 ottobre 2008, l’ingresso nei predetti territori di cittadini stranieri e apolidi è peraltro permesso soltanto attraverso Zugdidi (verso l’Abkhazia) e Gori (verso l’Ossezia del Sud).

L’ingresso da qualsiasi altra direzione è ritenuto un illecito, punibile con una multa e finanche con la reclusione, salvo casi eccezionali, nei quali un permesso ad hoc può essere richiesto al Governo georgiano”
E’ altresì illegale l’ingresso in territorio georgiano provenendo dall'Abkhazia o dall'Ossezia del Sud; la normativa georgiana contempla sanzioni pecuniarie per i trasgressori (ivi inclusi i cittadini stranieri).
Nelle zone a ridosso delle linee di confine amministrativo, o in quelle interessate dagli eventi bellici dell’agosto 2008, si raccomanda cautela, anche rispetto alla possibile presenza di mine o di ordigni inesplosi.

Consultare voce “Sicurezza” della Scheda.

Prima della partenza, si consiglia ai connazionali di segnalare all'Ambasciata d'Italia a Tbilisi, preferibilmente tramite e-mail (consolato.tbilisi@esteri.it ed embassy.tbilisi@esteri.it), i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese e gli eventuali spostamenti sul territorio. Si consiglia, altresì, di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo. Si raccomanda - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.).
Si segnala che dal 2 aprile al 27 giugno 2014  la pista di atterraggio/decollo dell'Aeroporto Internazionale di Tbilisi sarà oggetto di lavori che ne impediranno l'uso a tutti i tipi di aeromobili nei seguenti orari:
- ogni mercoledì, dalle 08:00 alle 14:00 (ora locale)
- ogni venerdì, dalle 14:00 alle 19:59 (ora locale)

Si ricorda che il Paese condivide con la più parte del resto del mondo il rischio di poter essere esposto ad azioni legate a fenomeni di terrorismo internazionale.

Si invita, infine, a consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché a sottoscrivere – prima della partenza – una assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).

 



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto:
  necessario, con validità di almeno sei mesi successivi alla data di ingresso in Georgia.
E’ altresì possibile entrare nel Paese con una carta d’identità elettronica purché si transiti da Paesi Schengen. E’ comunque consigliabile disporre in ogni caso del passaporto, con validità di almeno sei mesi dalla data di ingresso in Georgia.
Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.


Visto di ingresso: non è obbligatorio. È consentito un soggiorno, a qualsiasi titolo, di durata non superiore a 360 giorni per cittadini dell'Unione europea in possesso del passaporto in corso di validità.  Per altre informazioni relative all'ingresso e alla permanenza in Georgia si consiglia di contattare l’Ambasciata della Georgia a Roma (Corso Vittorio Emanuele II, 21-II piano. Tel. 06/69925809).

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Formalità valutarie: è relativamente facile, soprattutto a Tbilisi e nei principali centri abitati, procurarsi denaro attraverso distributori bancari automatici o cambiare valuta (specialmente euro e dollari) in banca o presso uno dei numerosi agenti di cambio indipendenti, alcuni dei quali sono aperti 24 ore su 24. In generale, le banche e le agenzie di cambio non applicano commissioni. Non è pertanto necessario cercare di procurarsi valuta locale prima dell’arrivo nel Paese.
Consulta anche le pagine dedicate ai viaggiatori stranieri sul Sito del Ministero dell’Interno georgiano http://www.police.ge/?lng=eng


Sicurezza

a) Postumi del conflitto russo-georgiano dell’agosto 2008
Dopo il rapido conflitto russo-georgiano dell’agosto del 2008 la situazione si è relativamente normalizzata, grazie anche alla presenza degli osservatori della Missione di Monitoraggio dell’Unione Europea (EUMM) http://www.eumm.eu/.
Si raccomanda ai connazionali che intendano recarsi in Georgia di tenersi informati sull’evoluzione della situazione, attraverso i media locali, molti dei quali hanno siti Internet in inglese sufficientemente aggiornati. Tra questi, a titolo di esempio:
www.civil.ge
www.geotimes.ge
www.messenger.com.ge/
www.rustavi2.com
Tra i siti in italiano:
www.osservatoriocaucaso.org
www.italiageorgia.it


b) Criminalità
Nonostante la costante presenza di pattuglie della Polizia, sebbene ci siano stati notevoli progressi e nonostante gli stranieri vengano generalmente accolti con grande senso di ospitalità, si sono recentemente registrati diversi episodi di criminalità comune. Si raccomanda pertanto di adottare sempre l‘opportuna cautela, in particolare nelle zone periferiche o poco frequentate e, durante le ore serali, anche nelle zone centrali della capitale, nelle quali è comunque ormai costante la presenza di Forze di Polizia.
Da tempo ormai non vengono segnalati casi di rapimenti ai danni di stranieri, reati per cui in passato la Georgia è stata tristemente famosa.

c) Specifiche precauzioni per itinerari isolati
Una buona regola generale da seguire nel visitare i luoghi di maggior pregio paesaggistico della Georgia, come le tante riserve naturali sulle catene montuose del Grande e Piccolo Caucaso, è segnalare la propria presenza, oltre che sul sito www.dovesiamonelmondo.it e all’Ambasciata d’Italia a Tbilisi www.ambtbilisi.esteri.it (e-mail consolato.tbilisi@esteri.it ed embassy.tbilisi@esteri.it) anche alle Autorità locali, organizzando i propri spostamenti affidandosi ad una agenzia di viaggio specializzata o a persone fidate ed esperte dei luoghi. In alcuni casi la registrazione presso le Autorità locali (in questo caso, Centro Visitatori del Parco) prima dell’ingresso nelle aree protette è obbligatoria.

A seconda della destinazione, è inoltre fortemente consigliato seguire tutte le precauzioni necessarie per le escursioni in montagna o in zone selvagge ed isolate (abbigliamento e attrezzature adeguati; scorte sufficienti di acqua, viveri e di medicinali di prima necessità; carte topografiche aggiornate; ricariche telefoniche e, se possibile, telefoni satellitari e GPS; segnalazione via sms anche a parenti o amici di eventuali spostamenti in luoghi isolati; mezzi di trasporto adatti; fotocopie di documenti; denaro contante in quantità sufficiente seppur non eccessiva; rubriche con numeri di emergenza; torce elettriche etc.).

ZONE A RISCHIO:
Abkhazia ed Ossetia del Sud:
Ai sensi della Legge georgiana sui “Territori Occupati” del 23 ottobre 2008, sono da considerare “occupati” i territori della Repubblica Autonoma di Abkhazia e della Regione di Tskhinvali (Ossetia del Sud). La Legge si applica altresì ai  territori di Kurta, Eredvi e Azhara e del comune di Akhalgori, attualmente sotto il controllo dei regimi separatisti.

L’ingresso nei predetti territori di cittadini stranieri e apolidi è permesso soltanto attraverso Zugdidi (verso l’Abkhazia) e Gori (verso l’Ossetia del Sud). L’ingresso da qualsiasi altra direzione è punito ai sensi del Codice penale della Georgia, salvo casi eccezionali, nei quali un permesso ad hoc può essere richiesto al Governo georgiano.
E’ altresì illegale l’ingresso in territorio georgiano provenendo dall'Abkhazia o dall'Ossetia del Sud.
Consulta l’informativa pubblicata sul sito del Ministero degli Esteri della Georgia http://www.mfa.gov.ge/index.php?lang_id=ENG&sec_id=95&info_id=10708
E’ comunque altamente sconsigliato, salvo esigenze eccezionali (per esempio a carattere umanitario), recarsi nei territori non controllati dal Governo georgiano, di cui lo Stato italiano non riconosce le Autorità de facto, e in cui pertanto per il Ministero degli Esteri e l’Ambasciata d’Italia sarebbe difficile garantire il normale livello di assistenza ove ciò si rendesse necessario.

ZONE DI CAUTELA
Tra le zone in cui è necessario prestare adeguata cautela, rivolgenedosi tra l'altro ad agenzie specializzate per l'organizzazione delle visite, si segnalano:
a) Tutte le zone di confine con Cecenia, Inguscezia e Daghestan (tra cui Shatili, Omalo, Valle di Pankisi e zone adiacenti), in cui non sono da escludere rischi di presenza di gruppi criminali o terroristici: nonostante la vigilanza delle autorità georgiane, tali rischi possono essere causati dalle continue tensioni politiche e sociali nelle citate regioni oltreconfine;
b) Svanezia: in passato si sono registrati nella regione episodi criminali a danno di turisti, fenomeno che appare ora in netta diminuzione.

AVVERTENZE

Si consiglia di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare sul sito: Dove siamo nel mondo

In relazione agli usi e costumi locali non sussistono norme speciali di comportamento da tenere diverse dalla generalità degli altri paesi europei. In generale i viaggiatori stranieri sono accolti con il calore tipico del celebre spirito di ospitalità georgiano. E’ utile, per chi ne ha il tempo, imparare i rudimenti dell’alfabeto georgiano http://en.wikipedia.org/wiki/Georgian_alphabet, anche se le principali indicazioni stradali ed insegne sono ormai spesso tradotte anche in caratteri latini.
E’ bene ricordare che in Georgia la corruzione di pubblici ufficiali è un reato severamente ed effettivamente punito.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droghe (leggere e pesanti): per il possesso e l'uso di droghe, anche in piccole quantità ad uso personale, sono previste pene detentive severissime.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: la tutela dei diritti dei minori è particolarmente sentita in Georgia, il cui codice penale prevede pene severe per gli abusi o altri reati. Va ricordato che coloro che commettono all'estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti anche al rientro in Italia secondo la legge italiana.


Situazione sanitaria

Strutture sanitarie: L’introduzione di un programma di assicurazione pubblica nazionale ha notevolmente migliorato il quadro sanitario negli ultimi anni. In linea generale, tuttavia, il servizio sanitario resta carente. Gli ospedali offrono servizi solo a pagamento e con standard qualitativi non sempre adeguati.
Esistono alcune cliniche private che, per le cure di prima necessità, offrono un livello accettabile.
Le maggiori strutture sanitarie private georgiane con servizio di pronto soccorso aperto 24 ore su 24 e con medici e/o personale che parlano la lingua inglese sono segnalate sul sito Internet dell’Ambasciata, alla pagina http://www.ambtbilisi.esteri.it/Ambasciata_Tbilisi/Menu/Informazioni_e_servizi/Servizi_consolari

A Tbilisi è inoltre presente un poliambulatorio dei Religiosi Camilliani:
414, Anapis Divisiis Kucha  
Temka Tbilisi 
Tel. +995-32-2602748  +995-32-2602748 – Fax +995-32-2602065

Malattie presenti: Si consiglia, previo parere medico, la profilassi contro la difterite e contro l’epatite A e B. La rabbia è alquanto diffusa, soprattutto tra i cani randagi: si consiglia al riguardo di prendere le necessarie precauzioni. E’ diffusa anche la tubercolosi (si consulti il Focus Sicurezza Sanitaria – Malattie invettive e vaccinazioni” sulla home page di questo sito).

Si segnalano al riguardo le pagine dedicate alla Georgia nel sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità  http://www.who.int/countries/geo/en/ 

Avvertenze: In caso di malattie e/o incidenti gravi, si consiglia tuttavia il rimpatrio aereo del connazionale o il trasferimento in un altro Paese (i voli diretti più frequenti sono per Vienna, Monaco, Atene, Parigi ed Istanbul).  Si consiglia, pertanto, di stipulare una copertura assicurativa sanitaria internazionale che preveda anche l’eventuale rimpatrio sanitario del paziente o il trasferimento in un altro Paese.

Nessuna vaccinazione obbligatoria.

 


Viabilità

Patente
Internazionale (consigliata). La patente italiana, munita di debita traduzione in lingua georgiana, legalizzata dall'Ambasciata di Georgia a Roma, abilita alla guida di automezzi sul territorio georgiano. Le patenti di guida rilasciate da un paese straniero sono valide nel territorio georgiano per un periodo di un anno a partire dalla data d’ingresso in Georgia da parte del detentore della patente. Al termine di tale periodo, è necessario sostituire la patente straniera con una patente emessa in Georgia.

Per saperne di più, consulta le pagine Web in inglese del Ministero dell’Interno georgiano:  http://www.police.ge/en/recomendations.aspx  

 Assicurazione auto
L’assicurazione non è obbligatoria, ma è consigliabile. E’ possibile stipulare una polizza in loco contattando la seguente compagnia assicurativa Aldagi  - aldagibci@aldagibci.ge
Tel. 00995 32 2444 999 - http://aldagibci.ge/index.php?m=26.
Trasporti in generale: la principale linea ferroviaria nazionale collega Tbilisi a Batumi sul Mar Nero. Esiste un discreto collegamento ferroviario (con vagoni letto) con Baku, in Azerbaijan.

Collegamenti con l'Europa: i voli diretti più frequenti da Tbilisi sono con le città di Istanbul, Vienna, Monaco, Amsterdam, Parigi, Roma ed Atene.