Dati del paese

bandiera del Nicaragua Nicaragua (NIC) - America centrale

mappa del Nicaragua

Capitale: Managua      
Popolazione:
5,8milioni (2013)
Superficie:  130.370 kmq
Fuso orario: -7 ore; - 8 ore quando in Italia vige l’ora legale

Lingue:  spagnolo (ufficiale), sulla costa atlantica inglese e miskito

Religioni:cattolica 58,5%, evangelica 21,6%, morava 1,6%.

Moneta: Cordoba Oro

Prefisso per l'Italia: 0039
Prefisso dall’Italia: 00505 + numero telefonico fisso o mobile senza alcun prefisso

 

Meteo

poco nuvoloso Managua A. C. Sandino, Nicaragua
Temperatura 24°C

Aggiornato al 28/07/2014 09:00

 

Ambasciate e Consolati

AMBASCIATA D’ITALIA
Rotonda El Güegüense 1 cuadra al lago, 20 varas abajo – Reparto Bolonia
Apartado Postal 2092, Managua
Tel: (00505) 22662918 – 22662961 – 22666486 - 22683826
Telefono emergenza (00505) 87395381
e-mail: ambasciata.managua@esteri.it
Pagina Web: www.ambmanagua.esteri.it

 

Indirizzi utili

Telefoni utili
Polizia (sede Centrale):Tel. (00505) 2 2774130 fino al 35

Ufficio turistico

  1. vai al sito

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Nicaragua

Avvisi particolari

Diffuso il 25.07.2014. Tuttora valido.

SICUREZZA

Si ricorda che il Nicaragua è un Paese soggetto a frequenti terremoti, con conseguenti sciami ed eruzioni vulcaniche. Si raccomanda pertanto di voler osservare particolare cautela durante le escursioni in zone vulcaniche e inoltre di evitare di alloggiare in strutture fatiscenti e pericolanti che potrebbero essere soggette a crolli.

In varie aree del Paese, nella capitale Managua e nei centri turistici, si registra una recrudescenza del fenomeno della delinquenza comune (aggressioni a scopo di rapina, sequestri “lampo” a scopo di estorsione), anche a danno di stranieri.

Si consiglia pertanto la massima prudenza durante la permanenza nel Paese, evitando spostamenti a piedi, sia di giorno sia di notte, soprattutto in zone isolate quali il vecchio centro di Managua, l’area di “Ticabus” e quella del “Mercado Oriental” ed in generale i “barrios” popolari presenti in tutte le zone della capitale. Ultimamente si sono anche riscontrati diversi casi di persone narcotizzate mediante sostanze somministrate nelle bevande in locali notturni con la finalità di derubarle. Si invita pertanto alla massima vigilanza. Casi di aggressione si sono registrati anche nei dintorni dei maggiori centri commerciali ed alberghi e nelle zone in genere considerate più sicure, quali Los Robles e la “Zona Hippos”.
Sono in aumento anche i furti segnalati da turisti nel Dipartimento di Rivas, in particolare nella zona di San Juan del Sur.

Si consiglia infine di non esibire oggetti di valore (cellulari, gioielli, ecc.) e di evitare l’utilizzo di autobus pubblici. Grande attenzione va posta nell’uso dei taxi, utilizzando solo taxi ufficiali che abbiano ben esposta l’autorizzazione ad esercitare e possibilmente contattati dall’albergo fra quelli di fiducia, e chiedendo al conducente di non fermarsi durante il percorso per far salire altri passeggeri.

Si raccomanda di contattare all’arrivo nel Paese l'Ambasciata d'Italia a Managua attenendosi, durante la permanenza, ai suggerimenti forniti e di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo. Si raccomanda altresì - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.).



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto:
necessario, con validità residua di almeno 6 mesi. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire / documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto d’ingresso: non necessario, per turismo fino a 90 gg di permanenza nel Paese. La normativa sui viaggi all’estero dei minori varia in funzione delle disposizioni nazionali. Si consiglia di assumere informazioni aggiornate presso le Ambasciate o i Consolati del Paese accreditati in Italia, presso la propria Questura ed il proprio agente di viaggio.

Vaccinazioni obbligatorie: febbre gialla, se si proviene da un Paese dove la febbre gialla è a rischio trasmissione.

Formalità valutarie: all’arrivo nel Paese viene fornito dal personale di bordo dell’aereo o alle frontiere terrestri, un formulario nel quale occorre dichiarare il possesso di somme superiori a US$10.000. Al momento dell’ingresso nel Paese viene richiesto il pagamento di un’imposta di 10 US$.
Il Dollaro USA, oggetto di una rivalutazione ufficiale programmata nei confronti del Cordoba del 5% annuo, è la valuta straniera più comunemente accettata. Attualmente (gennaio 2014) il cambio è di circa 25,30 Cordobas per 1 Dollaro. I principali istituti di credito accettano anche l’Euro, cambiato però ad un tasso non vantaggioso. Sono accettate le principali carte di credito con la possibilità di prelevare denaro contante anche con l’uso della tessera bancomat presso gli sportelli “ATM”.

Avvertenze: si consiglia di effettuare i necessari cambi di valuta presso le banche locali. È comunque possibile effettuare cambi anche presso cambisti autorizzati presenti in alcune strade della città. I cambisti ufficiali sono in possesso di una tessera di riconoscimento esposta in maniera ben visibile cosa che permette di distinguerli da quelli abusivi che sono assolutamente da evitare.


Sicurezza

Zone a rischio: il nord del Paese e la costa atlantica possono essere visitati adottando particolari cautele. In particolare, si suggerisce precauzione:
-nel “Triángulo Minero”, zona montagnosa ai confini con l’Honduras, che comprende le città di Rosita, Bonanza e Siuna;
-in tutti i quartieri dislocati nelle adiacenze del lago di Managua (vecchio centro città), tra le quali la zona denominata “Malecon”;
- nei cosiddetti “barrios” quartieri popolari e densamente popolati disseminati in tutta la città (es. in particolare Carretera Norte, barrio Dimitrov) ed in generale nei quartieri periferici non residenziali, nei quali si sconsiglia di recarsi soprattutto in ore serali e notturne;
-nella zona del “Mercado Oriental” di Managua (assolutamente da evitare) ed in generale negli altri mercati della capitale, visitabili ma con opportune cautele.

Zone di cautela: nella capitale Managua sono presenti numerosi quartieri abitati da una popolazione che vive in  stato di grande povertà, nei quali sono frequenti i fenomeni delinquenziali. In Nicaragua vi sono tuttavia bellezze naturalistiche e paesaggistiche non comuni ed è abbastanza diffuso il turismo d’avventura. La popolazione è generalmente accogliente ed ospitale. Si possono visitare le città coloniali di León e Granada, Masaya (capitale dell’artigianato e del folklore), le spiagge del Pacifico (Montelimar, Pochomil, El Transito, El Velero, San Juan del Sur), i vulcani (assai interessanti sono il Vulcano Masaya ed il Vulcano Mombacho), il grande lago di Nicaragua (Cocibolca) con l’Isola di Ometepe (su cui insistono i vulcani Concepcion e Madera), l’Arcipelago delle “Isletas” (con partenza da Granada) e le Isole di Solentiname, ove sono presenti reperti archeologici.
La Costa Atlantica (Bluefields) e le isole Corn Island (Great and Little) sono località particolarmente attrattive per il turismo. Non sono tuttavia esenti da rischi sia sanitari sia relativi alla sicurezza personale, anche a causa della presenza di narcotrafficanti.
Sulla Costa del Pacifico, occorre fare particolare attenzione alle forti correnti marine. Con le normali precauzioni può essere visitata, partendo da San Carlos lungo il Rio San Juan, al confine con il Costa Rica, la località storica di El Castillo, ove è conservato l’unico Fortino spagnolo dell’epoca della conquista. Il Rio San Juan può essere risalito fino alla Costa Atlantica, ove però non sono presenti adeguate strutture alberghiere.
Si ricorda che il Nicaragua è situato in una zona ad alto rischio sismico, e che nel periodo agosto/novembre si possono verificare fenomeni ciclonici (uragani ed alluvioni ecc.).

Zone sicure: non presentano particolari rischi i centri storici delle principali città (occorre però sempre prestare attenzione agli spostamenti notturni) ad esclusione della capitale, i centri commerciali, le zone monumentali, le località turistiche lungo la costa del Pacifico, le città coloniali e dell’artigianato, le aree dei principali vulcani.

 

Avvertenze

Furti ed aggressioni a danno di turisti sono frequenti ed in costante aumento. In particolare, lo straniero può essere avvicinato amichevolmente da uno o più individui dall’aria insospettabile all’interno di autobus ed altri mezzi pubblici per poi essere successivamente, con la complicità di altri soggetti, sequestrato allo scopo di estorcergli denaro contante, beni, carte di credito, etc. (modus operandi conosciuto con il nome di “sequestro lampo”).
Frequenti anche sequestri e furti organizzati da tassisti, approfittando dell’abitudine locale di far salire altri passeggeri sul mezzo. Si sconsiglia pertanto vivamente di prendere taxi direttamente per la strada, rivolgendosi ai taxi offerti dagli hotel o da compagnie riconosciute, ed in ogni caso di specificare chiaramente al tassista di non raccogliere altri passeggeri nel tragitto.

Si consiglia di segnalare la propria presenza all’Ambasciata d’Italia (Sezione Consolare) all’arrivo nel Paese, fornendo il relativo recapito in loco, nonché gli eventuali spostamenti sul territorio. Si consiglia, inoltre, di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare in Nicaragua sul sito: Dove siamo nel mondo.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga: la normativa locale prevede pene detentive dai 6 ai 25 anni per i reati di droga e stupefacenti. Per i consumatori è prevista la reclusione in penitenziari e, se del caso, in appositi Istituti di riabilitazione. Purtroppo, per mancanza di strutture locali adeguate, l’internamento spesso si tramuta in detenzione nel carcere locale.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro minori: gli abusi sui minori sono puniti con numerosi anni di carcere. Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in base alle leggi in vigore in Italia.

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.

 


Situazione sanitaria

Le strutture sanitarie pubbliche sono alquanto carenti, mentre tra le strutture private e’ da segnalare il moderno ospedale “Hospital Metropolitano Vivian Pellas ” inaugurato a Maggio 2004, dotato di tecnologie avanzate e di personale sanitario di buon livello. Considerato di buon livello anche l’Ospedale Militare (nelle aree riservate ai pazienti privati unicamente). Sono comunque disponibili sul mercato le principali tipologie di medicinali. Presso la Sezione Consolare dell’Ambasciata è disponibile una lista di medici affidabili per ogni specializzazione.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.

Periodicamente si sviluppano epidemie di dengue e dengue emorragico, specie nelle zone paludose interne e lungo le coste. In caso di stati febbrili si consiglia di non assumere aspirina o prodotti derivati (controindicati in caso di dengue) senza aver prima consultato un medico o l’ospedale al riguardo. Per maggiori informazioni si prega di consultare il Focus “Sicurezza sanitaria – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara” sulla home page di questo sito.

In alcune zone interne del Paese sono presenti malattie endemiche come colera, malaria, dissenteria, congiuntivite, meningite, ecc.. Si consigliano, previo parere medico, le vaccinazioni contro colera ed epatite A e B, e la profilassi antimalarica.
 
Suggerimenti specifici circa difficoltà per rimpatri d’emergenza: non esiste alcun volo diretto che colleghi il Nicaragua con l’Italia; l’ALITALIA assicura i voli dall’Italia fino a Miami (proseguimento per Managua con AMERICAN AIRLINES o TACA). I collegamenti con l’Europa sono assicurati con voli quotidiani da AIR FRANCE, AMERICAN AIRLINES, CONTINENTAL, BRITISH AIRWAYS, LUFTHANSA e KLM, via Miami, IBERIA via San José e San Salvador, KLM via Panama City, DELTA via Atlanta. Via terra sono agevolmente raggiungibili i Paesi confinanti (Costa Rica e Honduras).

Avvertenze

Durante la permanenza nel Paese si consiglia di:
- avere particolare cura per l’igiene personale;
- sterilizzare la frutta e la verdura;
- bere sempre solo acqua minerale in bottiglia ed usare ghiaccio da acqua purificata;
- adottare le precauzioni del caso contro le punture di insetti (zanzariere, prodotti repellenti) e scegliere con una certa accuratezza i luoghi di ristoro.
Vi sono a Managua buoni ristoranti italiani, spagnoli, francesi ed internazionali, anche presso i principali alberghi.

Vaccinazioni obbligatorie: febbre gialla, se si proviene da un Paese dove la febbre gialla è a rischio trasmissione.

Si ricorda, infine, l’opportunità di consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché di sottoscrivere, prima della partenza, un’assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).

 


Viabilità

 Patente di guida: La patente italiana è riconosciuta per tutto il periodo di validità.
Patente Internazionale valida.

Assicurazione
RC raccomandata 

Collegamenti: non esiste alcun volo diretto che colleghi il Nicaragua con l’Italia.
La qualità del servizio del trasporto urbano ed aereo interno non rispecchia i livelli europei, sia dal punto di vista del comfort che da quello della sicurezza.
La rete stradale è spesso in cattive condizioni. Sono invece di buon livello la Carretera Panamericana, che collega il Nicaragua con l’Honduras (frontiera di El Espino) ed il Costa Rica (frontiera di Peñas Blancas); le strade nazionali che conducono a Granada, Masaya e Leon. E’ in ogni caso consigliabile, per gli spostamenti all’interno del Paese, l’uso di un fuoristrada perché molti percorsi sono costituiti da piste in terra battuta che, durante la stagione delle piogge, tendono a deteriorarsi.
Il limite di velocità è di 90 km/h sulle strade statali, 40 km/h nei centri urbani.

Linee aeree dall’Europa: Air France, Alitalia, Lufthansa solo fino agli USA; IBERIA fino a Costa Rica ed El Salvador; KLM fino a Panama.

Linee aeree da e per gli USA: American Airlines, Continental, Delta, COPA, TACA.

Trasporti interni: non esiste in Nicaragua una rete ferroviaria. I collegamenti aerei interni sono assicurati dalla compagnia La Costeña con voli quotidiani da Managua a Bluefields, Great Corn Island, Puerto Cabezas (Bilwi), San Carlos (Río San Juan).
I principali fiumi (Río San Juan, Río Rama, Río Escondido) sono navigabili tutto l’anno. La navigazione sul lago di Nicaragua (Cocibolca) per/dall’Arcipelago delle “Isletas”, per/da Ometepe e per/dall’Arcipelago di Solentiname è assicurata quotidianamente da mezzi di trasporto marittimo pubblici e privati a noleggio, rispettivamente da Granada, da San Jorge e da altri punti di imbarco dislocati lungo la Carretera Panamericana.
E’ raccomandabile prestare particolare attenzione alle condizioni atmosferiche qualora si volesse raggiungere Little Corn Island. La traversata in mare aperto da Great a Little Corn Island, della durata di circa 50 minuti a bordo di potenti lance della portata di circa 20 persone, può risultare pericolosa in caso di condizioni climatiche avverse, che qualora peggiorassero renderebbero il viaggio di ritorno impraticabile tanto da rimanere bloccati nell’arcipelago. Si sono verificati nel passato alcuni casi di rovesciamento dell’imbarcazione. E’ da poco operativo un servizio che collega le due isole con imbarcazioni più grandi, comode e sicure. Ad ogni modo è sempre preferibile informarsi in anticipo su orari e tipologie dei mezzi che effettuano il trasferimento.
Esiste un’ampia rete di trasporto autobus che copre quasi tutto il Paese, ma i mezzi sono in genere in cattive condizioni. Vi sono tuttavia autobus moderni con aria condizionata da/per il Costa Rica e da/per l’Honduras ed El Salvador (King Quality, Transnica, Ticabus).

Autonoleggi:
Il servizio taxi (usare solo autoveicoli autorizzati che hanno targhe rosse) copre pressoché l’intero Paese, ma le autovetture sono spesso scadenti. Esiste peraltro un servizio abusivo parallelo che si consiglia di evitare. Occorre in ogni caso sempre negoziare il prezzo delle corse. E' preferibile utilizzare autovetture a noleggio (AVIS, HERTZ, BUDGET, DOLLAR), possibilmente con autista.

AEROPORTI: Managua – Bluefields – Great Corn Island – Puerto Cabezas – San Carlos