Dati del paese

bandiera della Somalia Somalia (SO) - Africa
mappa della Somalia

Capitale: MOGADISCIO  
Popolazione: 10.312.000  
Superficie: 637.657 Km2  
Fuso orario: +2h rispetto all'Italia; +1h quando in Italia è in vigore l'ora legale.

Lingue:  la lingua ufficiale è il somalo. Conosciute: arabo, inglese (nel nord e nord-est) e italiano (al sud). 

Religioni: Musulmana

Moneta: Scellino somalo - SOS

Prefisso per l'Italia: 0039  
Prefisso dall'Italia: 00252

 

Meteo

 Dati meteo non disponibili

 

Ambasciate e Consolati

L’Italia non ha una Rappresentanza diplomatica in Somalia. La Sede di riferimento è l’Ambasciata d’Italia a Nairobi (Kenya).

AMBASCIATA D’ITALIA NAIROBI
International House - Mama Ngina Street, 9° piano
P.O. Box 30107 – 001001 GPO - NAIROBI
Telefono:+ 254.20.343144,  + 254.20.224.77.50; 
(FAX) +254. 20. 2247086
Cellulari di reperibilità: +254. 722 . 514 327, + 254(0)707922965, +252 (0)699373950
E-mail: ambasciata.nairobi@esteri.it; consolare.nairobi@esteri.it

 

Indirizzi utili

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Somalia

Avvisi particolari

Diffuso il 22.04.2014. Tuttora valido.

Si sconsigliano viaggi a qualsiasi titolo nel Paese.

Viene registrata una crescente minaccia nei confronti di cittadini ed obbiettivi occidentali, si sconsiglia pertanto a tutti i connazionali la permanenza a qualsiasi titolo nel Paese.

Nonostante i progressi registratisi a livello politico e militare, attraverso l’elezione da parte del Parlamento del nuovo Presidente della Repubblica Somala, Hassan Sheikh Mohamud (10 settembre 2012) e la liberazione, da parte delle truppe dell’African Union Mission to Somalia (AMISOM) e delle Forze di Sicurezza Somale delle principali città della Somalia centro-meridionale, tra cui Chisimaio, la situazione nel Paese resta instabile, specie nell’ambito della sicurezza.  Molte zone della Somalia centro-meridionale rimangono sotto il controllo del movimento radicale Harakat al-Shabaab al-Mujahideen, il quale, attraverso l’uso di una strategia asimmetrica, continua a compiere numerosi attentati anche ai danni della popolazione locale. Il rischio pertanto resta massimo. I terroristi Shabaab sono peraltro infiltrati in molto città del paese in particolare nel centro sud compresa la capitale Mogadiscio che rimane esposta ad altissimo rischio di atti terroristici diretti contro hotel, ristoranti e le strutture difese dalle truppe di “AMISOM”, incluso l’Aeroporto Internazionale di Mogadiscio, nonché le sedi delle principali OO.II. e delle N.U.  Anche nelle regioni del Puntland e del Somaliland le condizioni di sicurezza vanno ritenute precarie, a causa di possibili azioni di estremisti islamici.

In tutto il Paese permane elevatissimo il rischio di rapimenti di stranieri. Si segnalano inoltre sconfinamenti di predoni ed azioni armate anche al confine nord con il Kenya, con assalto e rapimento di stranieri.

Permangono gli effetti della carestia prodottasi nel 2011 e mai debellata in particolare nel centro-sud della Somalia. Ciò ha ingenerato massicci esodi verso qualsiasi destinazione interna o esterna alla Somalia ove vi sia speranza di ricevere assistenza. In particolare a Mogadiscio, tale esodo ha reso ancor più precarie le condizioni sanitarie.  Non si escludono possibili casi di polio.

Permane il rischio elevato di atti di pirateria marittima con sequestri di navi nelle acque territoriali somale e soprattutto lungo le coste. Ai motopescherecci italiani si raccomanda vivamente di astenersi dal navigare in prossimità delle acque territoriali somale e di operare in base a licenze o permessi di qualsiasi tipo, concessi da autorità o gruppi locali. In proposito, si segnala che nel maggio 2007 l’IMO ha raccomandato di navigare a una distanza non inferiore alle 200 miglia nautiche dalla costa somala.

Si precisa che l’Italia non ha una Rappresentanza diplomatica in Somalia. E’ pertanto estremamente difficile ed in molti casi impossibile prestare assistenza consolare ai connazionali in tutto il territorio somalo e, qualora vi sia un ulteriore deterioramento della situazione, potrebbe essere impossibile prevedere qualsiasi intervento di assistenza o di emergenza.

Ai connazionali - giornalisti inclusi - che, sotto la propria esclusiva responsabilità, decidessero comunque di recarsi in Somalia per inderogabili motivi, si raccomanda vivamente di contattare, preventivamente e dopo l'arrivo nel Paese,  l’Ufficio dell’Ambasciatore e Delegato Speciale del Governo Italiano presso la Repubblica Somala, presso l’Ambasciata d'Italia a Nairobi, utilizzando i seguenti canali:
- cellulare di reperibilità in casi d’emergenza attivo 24h/24: + 254(0)722 514327; + 254(0)707922965, +252 (0)699373950; +252(0)616584765; +252(0)699376202; +252(0)616112097
- numeri telefonici in orario d’ufficio: +254(0)20343144, +254(0)202247750;
- fax: +254(0)202247086;
-  e-mail: ambasciata.nairobi@esteri.it 

Nel rammentare che il Paese condivide con la più parte del resto del mondo il rischio di poter essere esposto ad azioni legate a fenomeni di terrorismo internazionale, si consiglia in ogni caso ai connazionali di registrare i dati relativi al proprio viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo. Si raccomanda altresì - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.).

Si invita a consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché a sottoscrivere, prima della partenza, una assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).

 



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto: necessario, in corso di validità. Per eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all'estero di minori:  si prega di consultare il Focus: “Prima di partire / documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto d'ingresso: necessario.


Sicurezza

Per le segnalazioni più recenti sulla situazione di sicurezza vedere la Sezione “Avvisi Particolari”.

Nell'intera Somalia centro-meridionale le condizioni di sicurezza restano proibitive. L’intero Paese è interessato dalle azioni violente degli Shabaab e dei loro fiancheggiatori. L’instabilità e l’insicurezza si sono tradotte nell’ultimo anno nell’aumento esponenziale di tentativi di sequestro ed assassinio di stranieri, come anche di operatori umanitari somali.  Dopo i cinque attentati suicidi del 29 ottobre 2008, nella seconda metà del 2009 si sono verificate nuove azioni di estremisti islamici in Puntland - interessato altresì dalle azioni di reti criminali (pirateria, rapimenti a scopo di lucro, etc) - che hanno accesso anche in Somaliland. Gran parte del personale straniero resta evacuato da entrambe le regioni.

Zone a rischio: tutto il Paese.
In considerazione della situazione generale del Paese e del fatto che attualmente non è presente una Rappresentanza diplomatico-consolare italiana, sono estremamente difficili e rischiose azioni di soccorso ai connazionali in situazioni d'emergenza. Viene, pertanto, fortemente sconsigliata la presenza di italiani nel Paese.
A coloro che dovessero comunque decidere, sotto la propria responsabilità, di recarsi nel Paese, si raccomanda vivamente di contattare in anticipo l’Ambasciata d’Italia a Nairobi e di attenersi scrupolosamente ai consigli forniti.
Avvertenze per i naviganti
Ai motopescherecci italiani che navigano in prossimità delle coste somale si richiama l'attenzione sulla pericolosità di:
- operare in base a licenze o permessi di qualsiasi tipo, concessi da autorità o gruppi locali privi dell'autorità necessaria a garantirne l'efficacia;
- navigare in prossimità delle acque territoriali somale, data l'attuale situazione d'incertezza politica del Paese.
Si consiglia di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito: www.dovesiamonelmondo.it 

Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori
Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Né l’Italia né gli altri Paesi europei hanno una rappresentanza diplomatica in Somalia. E’ pertanto estremamente difficile assicurare l’assistenza consolare ai connazionali in tutto il territorio somalo. In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia pertanto di informare l’Ambasciata d’Italia a Nairobi per la necessaria assistenza.
 


Situazione sanitaria

Le condizioni igienico-sanitarie sono molto precarie anche a causa di una mancanza di vaccinazioni contro le più comuni malattie. Molte malattie endemiche affliggono il Paese ed in particolare il rischio di contrarre la malaria è presente ovunque.
Sono stati segnalati ceppi clorochino-resistenti alla malaria; si consiglia, quindi, la relativa profilassi. Si consiglia inoltre di consultare il FOCUS “Sicurezza Sanitaria – Misure preventive contro malattie trasmesse da punture di zanzara” sulla home page di questo sito.
Esiste un rischio elevato di contrarre malattie gastro-intestinali. Sono stati inoltre segnalati casi di colera, meningite, poliomielite, tubercolosi e HIV. 

Avvertenze:
Particolare attenzione va riservata all'acqua che deve essere sempre bollita e purificata. Evitare cibi crudi, lavare accuratamente e disinfettare verdure e frutta, non aggiungere ghiaccio nelle bevande.
I rimpatri d’emergenza o sanitari vengono effettuati esclusivamente e previa specifica polizza assicurativa con le compagnie d’assicurazione Flying Doctors, AMREF, AAR, ecc.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.
Si consigliano, previo parere medico, le vaccinazioni contro: polio, tifo, epatite A e B, tetano, malaria, e difterite.

Obbligatoria la vaccinazione contro la febbre gialla, se si proviene da un Paese dove la febbre gialla è a rischio trasmissione.

  


Viabilità

Documenti per veicoli importati temporaneamente

E' necessario il carnet di passaggio in dogana; ulteriori informazioni al sito  www.aci.it/index.php?id=2090

Collegamenti con l'Europa

Trasporti
:  Trasporti: via terra, i trasporti sono molto limitati sia per la mancanza di infrastrutture, sia per l'insicurezza dei percorsi quando si devono attraversare diverse zone del Paese che sono controllate da clan tribali in conflitto tra loro.  I trasporti via aerea sono assicurati da voli umanitari come ECHO, UNCAS (a pagamento) e da voli commerciali interni (non sempre consigliabili per la precarietà dei velivoli). Un collegamento bi-settimanale fra Addis Abeba e Hargheisa (Somaliland) viene effettuato dall'Ethiopian Airlines. Con l’Europa non esistono collegamenti diretti.  Possibili collegamenti via Gibuti, Dubai e Nairobi.