Dati del paese

bandiera dell'Uganda Uganda (EAU) - Africa
mappa dell'Uganda

Capitale: KAMPALA
Popolazione: 33.645.000
Superficie:  241.038 km²
Fuso orario: +2h rispetto all'Italia, +1h quando in Italia vige l'ora legale.

Lingue: l’inglese è la lingua ufficiale; le lingue più diffuse sono il luganda e il kiswahili.

Religioni: principalmente cattolica, protestante ed islamica.

Moneta: Scellino Ugandese (UGS).

Prefisso per l'Italia: 00039
Prefisso dall'Italia: 00256

Telefonia: la rete cellulare è coperta da: MTN, Zain, Orange, Warid.

 

Meteo

poco nuvoloso Kabale, Uganda
Temperatura 17°C

Aggiornato al 30/10/2014 06:00

 

Ambasciate e Consolati

AMBASCIATA D'ITALIA IN UGANDA
Lourdel Road, Plot 11, Nakasero
P.O.Box 4646
KAMPALA
Telefoni: 00256 312188000; 256 312188001
Fax: 00256 312188004;
Cellulare di servizio (fuori orario d'ufficio, fino alle ore 21.00): 0772-750448
(se si chiama dall'Italia: 00256 772 750448)
E-mail: segreteria.kampala@esteri.it
Internet: www.ambkampala.esteri.it

 

Indirizzi utili

Ufficio turistico

  1. vai al sito

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Home > I Paesi > Uganda

Avvisi particolari

Diffuso il 06.10.2014. Tuttora valido.

SICUREZZA

A seguito della permanente minaccia terroristica, le misure di protezione e sicurezza – soprattutto nei luoghi pubblici – sono state rafforzate dalle competenti Autorità ugandesi. Al riguardo lo scorso 13 settembre le Autorita' ugandesi hanno condotto una operazione anti-terrorismo contro cellule di Al-Shabaab a Kampala. Si raccomanda pertanto ai connazionali di mantenere un comportamento improntato alla massima prudenza e una costante attenzione allo sviluppo della situazione.

La situazione generale di sicurezza non presenta eccessivi problemi, salvo casi di microcriminalita’ ed eventuali improvvisi disordini (manifestazioni, ecc.) di cui i connazionali vengono di norma tempestivamente informati via sms. Si raccomanda cautela in caso di viaggi in macchina: le strade sono spesso accidentate e gli incidenti frequenti. Non e’ consigliabile aggirarsi con il buio a piedi a Kampala come altrove, mentre il ricorso ai moto-taxi (boda-boda) e’ soggetto ad alto rischio d’incidenti, aggravati dallo scarso uso di caschi protettivi.

In considerazione del conflitto ancora in atto nelle province orientali della RDC (Nord Kivu) confinanti con l'Uganda e dei flussi di rifugiati all'interno dei confini ugandesi, si raccomanda particolare cautela nel recarsi nelle aree ugandesi contigue ai confini con la RDC, dove il 5 luglio scorso si sono verificati eventi conflittuali che hanno colpito i centri di Kasese e Bundibugyo, con attacchi di miliziani tribali che hanno causato circa 100 vittime. Si raccomanda inoltre di tenersi costantemente informati, anche tramite contatti con l'Ambasciata, sugli ultimi sviluppi e le valutazioni di rischio nell'area.

Analogo problema puo’ presentarsi nelle zone prossime al confine con il Sud Sudan, interessato dal dicembre 2013 da fenomeni conflittuali. Nella regione del Karamoja si verificano episodi di attacchi ad autovetture.
Poiché, inoltre, permane il rischio di atti terroristici nel Paese (si ricorda l’attentato del luglio 2010 a Kampala che ha causato 78 vittime), si raccomanda a chi intenda recarvisi, particolare prudenza durante la permanenza, consultando il vademecum di sicurezza disponibile sul Sito Internet dell’Ambasciata. Si raccomanda, altresì, di contattare prima del viaggio (oppure, immediatamente all’arrivo), l'Ambasciata d'Italia a Kampala, per ricevere eventuali aggiornamenti, comunicati tramite sms a tutti gli italiani che abbiano registrato presso l’Ambasciata (o sul sito Dove siamo nel mondo) il/i proprio/i numero/i di cellulare, utilizzato in Uganda.
Il 1 agosto u.s. la Corte Costituzionale ugandese ha annullato la Legge Anti Omosessualità, che dichiarava perseguibili per legge comportamenti omosessuali. Resta comunque in vigore la norma del Codice Penale che sanziona il reato di "conoscenza carnale contro natura".

Il 5 ottobre 2014 l’OMS e le Autorità sanitarie ugandesi hanno confermato la presenza di un caso accertato attribuito al virus “Febbre di Marburg” presso l’Ospedale di Mengo (Kampala). Le stesse Autorità hanno, inoltre, isolato e sottoposto a monitoraggio 38 casi sospetti a Mengo, 22 a Mpigi e 20 a Kasese per limitare una ulteriore diffusione del virus.
La Febbre di Marburg, appartenente alla medesima famiglia del virus di Ebola, è una malattia caratterizzata da febbri emorragiche che provocano il decesso in un’altissima percentuale deglinon sussiste cura a tale virus. Per maggiori  informazioni  relative al virus Marburg si consiglia di consultare i seguenti siti:
http://www.cdc.gov/vhf/marburg/
http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs_marburg/en/

 



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese

Passaporto:
necessario. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire/ documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto d’ingresso: necessario.

Vaccinazioni obbligatorie: ai viaggiatori provenienti da aree in cui la febbre gialla è endemica, viene richiesto, al momento dell’arrivo nel Paese, il certificato comprovante l’avvenuta vaccinazione.

Formalità valutarie e doganali: nessuna.
Si consiglia di portare con sé travellers’ cheques oppure contanti (dollari USA, Euro). L'uso di carte di credito non è ancora molto diffuso.  


Sicurezza

Sono abbastanza sicure la regione centrale (inclusa Kampala) e le zone a sud-ovest el Paese; tuttavia si consiglia di adottare le normali misure di prudenza e di buon senso quali l’evitare di fare sfoggio di preziosi o circolare di notte in zone buie ed isolate (in particolare all’uscita da bar e dai locali notturni).  I combattimenti verificatisi lo scorso 5 luglio nei pressi del massiccio del Ruenzori (fra Bundibugyo e Kasese), rendono tale area oggi sconsigliabile: i combattimenti hanno colpito tredici localita’ nell’area e causato oltre cento vittime.

Normalmente non si riscontrano problemi di sicurezza nei luoghi pubblici frequentati da stranieri quali alberghi, ristoranti, centri commerciali; tuttavia vengono segnalate sporadiche rapine e aggressioni a mano armata a danno anche di cittadini stranieri e sono in crescita i casi di scippo nelle strade del centro.
La milizia del “Lord Resistance Army” non è più presente in territorio ugandese da ormai cinque anni. Ciò premesso, chi intenda recarsi in Nord Uganda è invitato ad adottare comunque particolare prudenza in quanto, per ampi tratti, non vi è copertura di telefonia cellulare, mancano le strutture sanitarie e non è possibile contare su un eventuale rapido intervento della Polizia. Inoltre, date le condizioni di forte disagio della popolazione, non sono da escludere eventuali atti ostili da parte di individui (rapina, furto in casa, ecc) per  quanto il carattere degli ugandesi e’ mediamente piuttosto mite.
Si consiglia di evitare di intraprendere viaggi fuori dalle città se non con piu’ di una auto-vettura o, comunque, in compagnia e di avvalersi esclusivamente, per eventuali spostamenti in loco e per le visite ai Parchi Nazionali, di agenzie affidabili.

ZONE A RISCHIO: sono sconsigliati viaggi nella regione della “Karamoja”, dove è comunque rafforzata la presenza dell’esercito e della Polizia impegnati nel disarmo dei pastori-guerrieri responsabili di furti di bestiame ed agguati e, talvolta, di agguati. Medesima cautela si consiglia nelle aree confinanti con la Repubblica  Democratica del Congo, ove permangono milizie guerrigliere che potrebbero sconfinare oppure causare flussi di rifugiati, in caso di combattimenti oltre-confine. Particolarmente sconsigliati i viaggi nell’area del Ruenzori compresa fra Bundibugyo e Kasese.

ZONE DI CAUTELA:
oltre le raccomandazioni relative al Nord Uganda, si consulti la sezione “SANITA’”.

AVVERTENZE
Si consiglia di:
- contattare l’Ambasciata d’Italia a Kampala prima di intraprendere un viaggio nel Paese, segnalando la propria presenza all’arrivo ed attenendosi scrupolosamente ai suggerimenti forniti.
- informarsi, presso l’Ambasciata d’Italia, prima di effettuare visite ai parchi nazionali;
- avvalersi esclusivamente, per eventuali spostamenti in loco, di agenzie affidabili locali;
- osservare il divieto di fotografare le installazioni militari e le sedi della Polizia.
Si consiglia, inoltre, di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito DoveSiamoNelMondo.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga: il possesso di droga è severamente vietato dalla legge e prevede pene che vanno da 2 a 10 anni.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: i casi di violenza e di stupro contro i minori sono puniti con pene detentive che variano secondo il caso e che sono comprese tra 5 e 10 anni.

Il 1 agosto u.s. la Corte Costituzionale ugandese ha annullato la Legge Anti Omosessualità, che dichiarava perseguibili per legge comportamenti omosessuali. Resta comunque in vigore la norma del Codice Penale che sanziona il reato di "conoscenza carnale contro natura".

Va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.
In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata per la necessaria assistenza.

 


Situazione sanitaria

Strutture sanitarie: A Kampala la qualità dell’assistenza sanitaria di base è generalmente soddisfacente. Sono presenti alcuni ambulatori attrezzati (per esempio “The Surgery”: tel. +256 (0)414.256.003 oppure per le emergenze 24h/24 +256. (0)752.756.003) ed almeno un buon ospedale “Kampala International Hospital”: tel. +256 (0)414.309.800, ambulanza +256 (0)772.200.400.) Nel resto del Paese, invece, è molto limitata. In caso di malattie gravi o di incidenti può essere preferibile trasferire il degente via aerea a Nairobi, Johannesburg o verso l’Europa. I trasferimenti di emergenza sono possibili tramite centri medici locali, fra i quali:
“The Surgery” a Kampala: tel. +256. (0)414.256.003   (emergenza 24 ore +256.(0)752.756.003, oppure “Flying Doctors” a Nairobi: tel. +254.20.315.454/5, +254.20.600.090 Cellulare: +254.733.628.422, +254.733.639.088. (disponibili 24 ore al giorno).
 
Malattie presenti:
le malattie endemiche più diffuse sono: la malaria, (anche cloro/chino-resistente), la TBC, l’AIDS, la bilarzia, la meningite, le epatiti . In particolare, nel periodo delle piogge, aumenta il rischio di diffusione del colera.
Periodicamente si verificano nel Paese epidemie di “Ebola” e di “Marburg”.
E’ emersa ad agosto 2013 nel nord (Kalongo) la presenza della febbre Congo-Crimea, ma limitata a tre casi e senza decessi.

Avvertenze:  Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, una assicurazione sanitaria che preveda oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese del malato.
Si suggerisce, previo parere medico, la profilassi antimalarica, la vaccinazione antimeningococcica, epatite A e B.
Si raccomanda, inoltre, di bere acqua e bibite in bottiglia, senza l’aggiunta di ghiaccio; bollire e filtrare l’acqua corrente in quanto non potabile; evitare cibi crudi (insalate, frutta fresca, ecc.). Le verdure vanno lavate e sterilizzate con prodotti quali amuchina e steridrolo; evitare di bagnarsi nel lago Victoria, soprattutto sottoriva, a causa della bilarzia.

Per ulteriori informazioni al riguardo si consulti anche il sito internet dell’Ambasciata, alla voce “Malattie presenti in Uganda” http://www.ambkampala.esteri.it/NR/rdonlyres/2A003682-7076-4EC3-8083-394BCAEC09DC/24023/UGANDAMalattieInfettive1.pdf 

La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria ove si provenga da Paesi in cui la malattia è endemica: l’assenza di una sua certificazione può costituire motivo di contestazioni all’ingresso nel Paese.


Viabilità

Patente: italiana (valida fino a 3 mesi di permanenza nel paese)

Assicurazione Rc obbligatoria.

Documenti doganali:E' consigliato il carnet di passaggio in dogana per veicoli importati temporaneamente. Ulteriori informazioni al sito
www.aci.it/index.php?id=2090

Norme di guida
Guida a sinistra.

Trasporti: la disponibilità di mezzi privati per il trasporto pubblico è buona ma i mezzi sono inaffidabili e scomodi (compresa la poca affidabilità degli autisti).
Si consiglia cautela durante i viaggi in auto in quanto le strade non sono agevoli, hanno una scarsa manutenzione, poca segnaletica e mancano di assistenza stradale. La guida è indisciplinata e si registra un’alta percentuale di incidenti mortali. Le compagnie aeree internazionali assicurano i collegamenti con l'Europa con regolare frequenza.