Dati del paese

bandiera del Messico Messico (MEX) - America centrale
mappa del Messico

Capitale: CITTA' DEL MESSICO
Popolazione: 112.000.000
Superficie: 1.958.201 km2
Fuso orario: -7h rispetto all'Italia.

Lingue: spagnolo, dialetti amerindi (nahuati, maya, mixteco, otomi, zapoteco).

Religioni: cattolica in larga maggioranza.

Moneta: Peso messicano (MXN)

Prefisso per l'Italia: 0039
Prefisso dall'Italia: 0052

 

Meteo

poco nuvoloso Mexico City / Licenci, Mexico
Temperatura 15°C

Aggiornato al 20/04/2014 08:50

 

Ambasciate e Consolati

Ambasciata d'Italia Città del Messico
Av. de las Palmas, 1994
Lomas de Chapultepec
11000 Messico, D.F.
Tel.: +52 55 5596 3655
Fax: +52 55 5596 7710, 5596 2472
E-mail: segreteria.messico@esteri.it

 

Indirizzi utili

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Messico

Avvisi particolari

Diffuso il 28.03.2014. Tuttora valido.

Sicurezza:

Si sconsigliano viaggi nello Stato di Michoacan, attualmente teatro di scontri tra cartelli rivali ed i cosiddetti gruppi di autodifesa, truppe cittadine auto-armatesi per difendere le proprie comunita'.

Si registrano casi di assalti, ai fini di furto, ai pullman, in particolare di notte sia su trasporti pubblici che turistici in diversi Stati del Messico (Chiapas, Jalisco, México DF, Estado de Mexico, Puebla e Veracruz). Il fenomeno della delinquenza comune ed organizzata, infatti, è in preoccupante aumento in tutto il Paese – compresa la capitale – e, anche a causa dei frequenti scontri tra bande rivali e tra queste e le Forze dell’Ordine, si registrano situazioni di crescente violenza ed insicurezza, in particolare, nei seguenti Stati (elencati in ordine di pericolosità): Chihuahua (Ciudad Juarez), Sinaloa, Guerrero (città di Acapulco), Durango, Baja California (città di Tijuana), Oaxaca, Mexico, Sonora, Michoacan, Nuevo Leon (città di Monterrey), Tamaulipas e Coahuila e San Luis Potosi’, Jalisco, Nayarit e Zacatecas. Si raccomanda, pertanto, di mantenere alto il livello di attenzione, di aggiornarsi sulla situazione della sicurezza anche attraverso il proprio agente di viaggio ed i mezzi di comunicazione, attenendosi alle indicazioni impartite dalle Autorità locali.
In particolare, si segnala che la località turistica di Acapulco è stata recentemente teatro di un grave fatto di cronaca che ha coinvolto 6 turiste spagnole violentate nella propria villetta-bungalow affittata sulla spiaggia. L'episodio si inquadra peraltro in una situazione di forte insicurezza già esistente.
Di conseguenza, si ritiene che le condizioni di sicurezza in città non siano garantite e si suggerisce, se non per motivi strettamente necessari, di evitare per il momento di recarsi in questa località.
Nello Stato di Oaxaca, si sconsiglia il transito nell'area circostante il Municipio di San Juan Copala. Nello Stato di Chiapas si sconsiglia di muoversi al di fuori di tour organizzati, di visitare le zone meno frequentate e accessibili e di viaggiare nelle ore notturne. Per maggiori informazioni si rinvia alla voce “SICUREZZA” della Scheda.

Ai connazionali che intendano recarsi in Messico si consiglia di adottare misure di prudenza, evitando, in particolare, luoghi di manifestazioni e di assembramenti.

Attività ciclonica:

La costa pacifica e la zona del Golfo del Messico, con particolare riferimento alla penisola dello Yucatan, sono interessate da fenomeni ciclonici nel periodo da giugno ad ottobre. Si invitano pertanto i viaggiatori/turisti che si trovino o che intendano recarsi in queste zone a mantenersi aggiornati sulla situazione meteorologica delle coste o delle isole da visitare attraverso il proprio agente di viaggio, i mezzi di comunicazione o consultando direttamente il sito Internet della Protezione Civile messicana (www.proteccioncivil.gob.mx, nella sezione “Alertamientos”).
In particolare, per le allerte cicloniche, si consiglia di consultare il sito del National Hurricane Center (www.nhc.noaa.gov) oltre che la voce FOCUS “Allarmi Meteo” sulla home page di questo sito.


Sanità:

Sebbene non abbia un carattere endemico, il colera non é ancora stato completamente debellato in Messico (soprattutto nelle zone rurali). Diversi casi sono stati segnalati, a partire dal settembre 2013, in particolar modo nello Stato di Hidalgo.
Continuano, anche se a livelli inferiori rispetto agli anni passati, i casi registrati di influenza aviaria (ceppo AHN3) e influenza suina (ceppo AH1N1).
Nel sud-est del Paese vengono periodicamente segnalati casi di dengue (sia classico che emorragico). Alcuni casi si sono registrati anche in prossimità di località turistiche. Per ogni utile approfondimento al al riguardo, si rimanda al FOCUS  “Sicurezza Sanitaria” sulla home page di questo sito e alla voce “SANITA’”della Scheda.


Vulcano Popocatepetl:

L’attività del vulcano Popocatepetl è considerevolmente aumentata passando dalla fase gialla II alla fase III, per il momento senza causare rischi per la popolazione che vive nelle aree circostanti al vulcano. Le aree piú colpite dalla caduta di cenere sono San Pedro Benito Juarez, Santiago Xalitzintla, San Nicolas de los Ranchos, San Pedro e San Mateo Yancuictlalpan Ozolco. Si possono talvolta verificare delle interruzioni delle attività dell’aeroporto di Puebla e di Cittá del Messico a causa della presenza in pista di cenere vulcanica.
La stessa Protezione Civile, oltre ad aver predisposto un piano operativo da attivare nel caso di eruzioni violente, richiede al momento alle popolazioni di non permanere nel raggio di 12 km dal vulcano.
Si raccomanda di seguire accuratamente l'evolversi della situazione attenendosi scrupolosamente alle misure impartite dalle Autorità locali.

Attività sismica:

Il Messico presenta zone a forte rischio sismico
. In particolare, nella cosiddetta “zona D” (corrispondente agli Stati costieri del Pacifico sud – Jalisco, Colima, Michoacán, Guerrero, Oaxaca e Chiapas), sono frequenti episodi tellurici. Città del Messico e l’intera zona centrale denominata “Valle de México”, pur trovandosi nella Zona B (fascia intermedia), a causa delle condizioni del sottosuolo, risentono di terremoti il cui epicentro si può trovare ad oltre cento chilometri di distanza.  In genere tali episodi, pur se avvertiti in modo evidente, non causano danni alle persone ed alle strutture.

Ulteriori informazioni: 
In caso di emergenza è possibile contattare il cellulare dell’Ambasciata - prefisso: 0052(1) chiamando da utenza estera o 044/5 da fisso messicano o senza prefisso da cellulare messicano; numero: 5554372596) - e/o il numero verde 01 800 0041300 del Centro Nazionale di Comunicazioni della Segreteria di Governo Messicana e/o il numero per la Comunicazione Sociale della Protezione Civile 0052 55 51280000 int. 11460.

Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo. Si raccomanda altresì - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo, etc.).

Si ricorda, infine, l’opportunità di consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché di sottoscrivere – prima della partenza – una assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).

 



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria per l'ingresso nel Paese    

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso nel Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto d’ingresso: non necessario, per turismo fino a 90 giorni di permanenza nel Paese (il periodo di soggiorno per turismo può essere esteso fino a un massimo di 180 giorni presso l’Istituto Nazionale di Immigrazione. Terminato il suddetto periodo occorre uscire dal Paese.  Per maggiori informazioni al riguardo si consiglia di consultare il sito web www.inm.gob.mx).
Per ottenere i permessi FM2/FM3 occorre presentare richiesta presso il Paese di orgine dell’interessato (nel caso di cittadini italiani, presso la Sezione Consolare dell’Ambasciata del Messico a Roma), non potendo cambiare lo status di permanenza in Messico - salvo casi specifici - direttamente in loco (come previsto dall’art. 53 della Ley de Migracion messicana del 2011).
All’arrivo nel Paese il turista deve compilare un formulario (forma migratoria FMT) disponibile presso le Autorità locali, i principali aeroporti e le diverse compagnie aeree. Occorre, altresì, pagare una tassa aeroportuale, normalmente inclusa nel costo del biglietto aereo emesso in Italia, che è contraddistinta dalla sigla “UK”. In caso la tassa non fosse stata inclusa nel biglietto, occorre pagarla al momento di lasciare il Paese. L’importo ammonta a 210 pesos (circa 15 Euro). Esiste, inoltre, un’ulteriore tassa aeroportuale di circa 20 pesos (circa 1,5 Euro) per coloro che escono e rientrano nel Paese. Il pagamento deve essere effettuato presso lo sportello bancario dell’aeroporto dopo aver compilato un formulario presso gli uffici aeroportuali “Emigración”. Lo smarrimento del formulario (FMT) non prevede il pagamento di una multa se sul biglietto aereo è presente la sigla UK. In caso contrario, è previsto il pagamento di 412 pesos (circa 30 Euro). L’eventuale estensione di validità del “FMT” prevede un costo di 210 pesos (circa 15 Euro).
Il visto è obbligatorio per coloro che si recano nel Paese per motivi diversi da turismo (studio, affari ecc.) e va richiesto presso le Rappresentanze Diplomatico-Consolari del Messico in Italia (Roma e Milano).

Per quanto concerne le attività di osservatori internazionali e quelle di carattere umanitario - procedure di ingresso nel Paese - si informa che è obbligatorio richiedere un apposito permesso di soggiorno. Per maggiori informazioni si consiglia di consultare il link dell’Istituto Nazionale di Immigrazione Messicano: http://www.inm.gob.mx/index.php/page/tramites   “Italia”, “Visitar Mexico” e “Observadores”. In base a recenti disposizioni, inoltre, in caso di diniego da parte dell’Autorità messicana dello stesso, l’interessato dovrà attendere tre mesi prima di poterlo richiedere. Per maggiori informazioni rivolgersi alla Sezione Consolare dell'Ambasciata del Messico in Italia (via mail: seccion.consular@emexitalia.it; telefonicamente: +39 06441151; o consultando il sito: www.sre.gob.mx/italia). A connazionali già in Messico intenzionati a svolgere tali attività, si raccomanda di attenersi alle procedure indicate dall’Istituto. 

Vaccinazioni obbligatorie: nessuna.

Formalità valutarie e doganali: è consentito introdurre beni per un valore equivalente a 300 US$ a persona. Per i beni il cui valore eccede tale importo e fino a 1.300 US$, è previsto il pagamento di una tassa, pagabile in aeroporto, in funzione del Paese di provenienza. Beni di valore superiore a 1.300 US$ a persona sono trattenuti in deposito presso la dogana. In questo caso, sarà necessario l’intervento di un Agente doganale per avviare la relativa pratica di importazione.
Non esiste, invece, alcuna restrizione per l’introduzione di somme di denaro fino a 10.000 US$. Somme superiori a 10.000 US$ devono essere dichiarate nell’apposito formulario relativo all’importazione di valuta che viene fatto compilare al momento dell’ingresso nel Paese.

Effetti personali
All'ingresso nel Paese, il visitatore deve compilare una dichiarazione doganale.
È consentita l'importazione in franchigia dei seguenti effetti personali:
- abbigliamento e calzature nuovi o usati, articoli da toeletta in quantità ragionevole e proporzionata alla durata del soggiorno;
- due apparecchi fotografici, una videocamera e fino a 12 pellicole o videocassette;
- un apparecchio televisivo che non misuri più di 30 cm;
- un videoregistratore;
- un apparecchio radio o un registratore portatile;
- 5 dischi laser, 5 DVD e fino a 20 CD o cassette;
- un telefono portatile e un cercapersone;
- una macchina da scrivere o un computer portatile (laptop, notebook, omnibook);
- un binocolo;
- uno strumento musicale portatile;
- fino a 5 giocattoli;
- libri e riviste in quantità ragionevole e non importati a fini commerciali;
- prodotti farmaceutici per uso personale (le sostanze psicotrope devono essere accompagnate dalla relativa prescrizione medica).

Articoli sportivi consentiti per persona:
- attrezzatura sportiva usata e sufficiente per il fabbisogno personale;
- una tenda con materiale da campeggio;
- attrezzatura da pesca;
- un paio di sci;
- due racchette da tennis;
- una tavola da surf o da windsurf.  

È possibile importare in franchigia, per i viaggiatori maggiorenni: 400 sigarette o 25 sigari o 200 g di tabacco e fino a 3 litri di vino, birra o alcolici.  É consentito introdurre articoli (oltre gli effetti personali e la franchigia prevista per tabacco ed alcool) per un valore equivalente a 300 US$ a persona. Oltre alle concessioni sopra menzionate, un viaggiatore può importare articoli per un valore non eccedente 1.000 US $.

Viaggiatori con Animali: i viaggiatori con cani e/o gatti devono essere muniti di un certificato sanitario rilasciato dalle competenti Autorità italiane almeno 5 giorni prima dell’arrivo in Messico e di un certificato di vaccinazione anti-rabbica.


Sicurezza

Il fenomeno della delinquenza comune ed organizzata è in preoccupante aumento in tutto il Paese - compresa la capitale – e, anche a causa dei frequenti scontri tra bande rivali e tra queste e le forze dell’ordine, si registrano situazioni di violenza e insicurezza, in particolare, nei seguenti Stati: Chihuahua (Ciudad Juarez), Sinaloa, Guerrero (città di Acapulco), Durango, Baja California (città di Tijuana), Oaxaca, Mexico, Sonora, Michoacan, Nuevo Leon (città di Monterrey), Tamaulipas e Coahuila e San Luis Potosi’. In particolare, nella capitale, si verificano furti con destrezza e rapine in tutti i luoghi affollati della città (terminal di autobus, metropolitane, stazioni e mercati). Nei pressi dei locali del centro storico, della “zona rosa” e della famosa “Plaza Garibaldi” agiscono spesso bande organizzate con sequestri, rapine a mano armata, anche a bordo di taxi. Si consiglia di evitare di circolare a piedi nelle ore notturne e in zone appartate o poco affollate e di non indossare gioielli e beni di lusso. Negli ultimi anni si è registrata altresì una recrudescenza del fenomeno dello spaccio di stupefacenti, non solo nella capitale, ma anche negli Stati sopra citati. E’ pertanto rischiosa la circolazione stradale all’interno di tali aree, in particolare nelle ore notturne. Inoltre, nel “Distrito Federal” a Città del Messico, si consiglia di utilizzare esclusivamente taxi su prenotazione dell’albergo o del ristorante.

Zone di cautela: nelle zone interne e meno popolate dei vasti Stati di Guerrero, Oaxaca e Michoacan, colpite da povertà e malessere sociale, si sconsiglia di viaggiare durante la notte e lontano dalle strade principali. Particolare cautela è necessaria anche nelle visite alle Piramidi di “Teotihuacán” (50 km a nord di Città del Messico). Si suggerisce di affidarsi nelle suddette escursioni esclusivamente all’organizzazione di guide conosciute.

Penisola dello Yucatan: si tratta di una zona di grande afflusso turistico in cui si sono registrati, anche nelle ore diurne, episodi di criminalità comune nei confronti di turisti (furti di denaro, documenti e biglietti aerei), in taluni casi anche con aggressione.
Si consiglia quindi al turista di prestare particolare attenzione e di adottare opportune cautele per conservare i propri documenti e mezzi di pagamento. Si consiglia, inoltre, di non recarsi in zone isolate o percorrere sentieri poco battuti mantenendosi nei luoghi più frequentati (spiagge sorvegliate degli hotel, principali ristoranti, bar, discoteche). Si suggerisce al riguardo di informarsi presso le strutture locali.
La strada costiera (Cancun-Tulum), è spesso scena di incidenti causati dall’imprudenza dei guidatori, dalla presenza di camion e ruspe e dalla scarsa illuminazione notturna. Si ricorda che, in particolare nella zona di Playa del Carmen, l’abuso di sostanze alcoliche è severamente punito dalle Autorità di Polizia, che, soprattutto durante le ore notturne, in prossimità di bar e locali, opera fermi ed arresti nei confronti di chi è sospettato aver ingerito quantità eccessive di alcol. Il fermo può prolungarsi per diverse ore e non sempre viene offerta al cittadino straniero la possibilità di mettersi in contatto con il Consolato o con l’Ambasciata.

Chiapas: sono state segnalate in passato rapine a danno di stranieri o semplici richieste di “pedaggi” nell’attraversamento di comunità rurali, in modo particolare nelle aree più remote dove vi sono povertà, guerriglia e conflitti intercomunitari. È in ogni caso preferibile non avventurarsi fuori delle strade statali. La fine del conflitto e il progressivo ritiro dell’Esercito dal territorio del Chiapas hanno comportato un netto miglioramento nella situazione interna alla regione, anche se permangono sporadici scontri intercomunitari. Si consiglia particolare attenzione e prudenza, soprattutto per i frequenti controlli ai quali gli stranieri sono sottoposti da parte dei militari e delle Autorità migratorie.

Lo Stato di Oaxaca: nelle zone rurali si riscontrano fenomeni di instabilità e di conflittualità sociale, fonti di insicurezza e di violenza. Permane elevata la tensione politica. Si sconsiglia il transito nell'area circostante il Municipio di San Juan Copala, in ragione delle precarie condizioni di sicurezza segnalate dalle competenti Autorita' messicane.

Le aree costiere del Paese: soprattutto la costa caraibica, sono interessate, nel periodo che va da giugno a settembre, da fenomeni atmosferici quali tempeste tropicali e soprattutto uragani.

Ai turisti che intendano recarsi nelle località interessate dai predetti fenomeni atmosferici si consiglia di verificare, prima della partenza, le condizioni locali.

Zona costiera del Pacifico: il mare di Acapulco è particolarmente inquinato con il rischio di contrarre malattie della cute, degli occhi e delle orecchie. Si raccomanda estrema cautela in tutte le principali località balneari del Pacifico, specialmente in mare aperto ma anche sulle spiagge a causa della forza delle onde e della risacca. Anche i nuotatori più esperti non devono sottovalutare le insidie e i pericoli dell’oceano, in particolar modo, nella zona di Puerto Escondido.

Il Paese è a rischio sismico, si suggerisce, pertanto, di seguire anche le istruzioni affisse negli alberghi e in tutti i locali pubblici.

Da circa sei anni il vulcano Popocatépetl (70 Km a sud-est della Capitale) è tornato in attività, con frequenti esplosioni ed emissioni di cenere, gas e lapilli. Lo stato di allerta dichiarato dalla protezione civile è “giallo”. In caso di eruzione, le zone a più alto rischio sono quelle situate in un raggio di 50 km dal vulcano (Stato di Puebla e Stato di Messico fino alla periferia orientale della capitale).

AVVERTENZE E SUGGERIMENTI

Si consiglia ai turisti, come norma generale, di viaggiare unicamente su autobus di prima categoria ed adottare la massima prudenza nelle stazioni di sosta per il cambio di vettura. Precauzione fondamentale per chi viaggia in auto è di seguire le autostrade principali piuttosto che le strade secondarie e, soprattutto, non viaggiare mai durante le ore serali o notturne.
La “Cofetel” (Commissione Federale delle Telecomunicazioni) ha avviato un servizio telefonico d’emergenza attivo su tutto il territorio messicano. Il numero da comporre per i turisti in caso d’incidenti, aggressioni o altro tipo d’emergenze, è il seguente: 066.

Il Ministero degli Esteri messicano ha comunicato le nuove disposizioni di sicurezza aeroportuale entrate in vigore il 1º gennaio 2006, in applicazione alla nuova normativa internazionale in materia stabilita dall'Organizzazione dell'Aviazione Civile Internazionale. Le predette misure, applicate all'aeroporto internazionale di Città del Messico, implicano in particolare una serie di ulteriori controlli dei bagagli delle persone che viaggiano su voli internazionali in partenza dall'aeroporto. Si raccomanda, pertanto, al fine di evitare disguidi, di presentarsi al terminal con almeno tre ore di anticipo rispetto all'orario di partenza.

Alcune popolazioni indigene, soprattutto nelle zone degli “altos” del Chiapas, non vedono di buon occhio la presenza di stranieri, a volte irrispettosi degli usi e delle tradizioni locali.

Si consiglia di non scattare fotografie senza avere ottenuto il necessario permesso.

Si consiglia, infine, di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare in Messico sul sito Dove siamo nel mondo     

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droghe: la legislazione messicana è molto severa in materia di traffico e possesso di stupefacenti; l’uso personale è vietato. Anche il solo uso di droghe leggere o di funghi allucinogeni (“Peyotes”) è considerato reato. I casi di connazionali detenuti in Messico rientrano quasi tutti in questa categoria. Nonostante l’impegno delle Autorità locali le strutture carcerarie del Paese continuano a presentare alti indici di violenza, con possibilità che si verifichino violazioni dei diritti fondamentali.
In caso di problemi con le Autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: va ricordato che coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.
È molto importante rispettare la legislazione locale in materia migratoria (durata del titolo di soggiorno FMT), nonché il divieto per gli stranieri di esercitare attività considerate di carattere politico. Per quanto riguarda le violazioni di quest’ultimo punto, si fa presente che l’articolo 33 della Costituzione messicana permette al Governo di espellere i cittadini stranieri con procedura immediata, senza possibilità di appello o richiesta di sospensione.


Situazione sanitaria

La quasi totalità delle strutture sanitarie pubbliche non rispecchia gli standard europei e comunque non è prevista dalla legislazione nazionale alcuna forma di assistenza pubblica ai cittadini stranieri. Le strutture sanitarie private (che variano da un buon livello ad un medio livello) offrono tutti i tipi di interventi e cure, ma sono estremamente onerose.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese.
Città del Messico soffre di un cronico e pesante inquinamento atmosferico. Nel corso della stagione secca (da novembre a maggio), gli indici di ozono e di particelle contaminanti nell’atmosfera raggiungono punte molto elevate. Sono, pertanto, molto frequenti infezioni di tipo respiratorio, bruciori agli occhi, emicranie e stati di nausea. Nella capitale poi, a causa dell'altitudine e del tasso elevato di inquinamento, si consiglia cautela a chi ha problemi cardio-circolatori e di respirazione.
Esiste un modesto rischio malarico tanto sulla costa del Pacifico che su quella del Golfo. Recentemente si sono avuti numerosi casi di “dengue” nelle zone costiere presso insediamenti a forte emarginazione sociale, ma anche in prossimità  di località turistiche della costa del Pacifico (in particolare nella zona di Acapulco). Si consiglia di adottare, durante la permanenza nel Paese, misure preventive contro le punture di zanzara. Per maggiori informazioni  si prega di consultare il Focus “Sicurezza sanitaria – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara” sulla home page di questo sito.

AVVERTENZE
Si consigliano, previo parere medico, le seguenti vaccinazioni: epatite A e B, salmonella, morbillo. In varie zone del Paese vengono periodicamente segnalati casi epidemici di congiuntivite (Tabasco, Yucatan, Chiapas), virus del Nilo (Sonora e Chihuaha) e “dengue” (Sinaloa, Bassa California del Sud, Quintana Roo, Acapulco).
Esiste un rischio di colera nelle zone rurali del Paese, nella periferia della capitale e nelle maggiori aree urbane. Il pericolo più diffuso, però, è quello di contrarre infezioni come epatiti (A e B), ameba e salmonella, causate dal consumo di alimenti (in particolare frutta, verdura e frutti di mare).

Si consiglia inoltre di:
- evitare di bere acqua del rubinetto, bevande non in bottiglia;
- non utilizzare ghiaccio;
- non fare uso di cibi in vendita lungo le strade;
- disinfettare le verdure fresche e la frutta;
- consumare carne solo se ben cotta.


Viabilità

Patente
Nazionale se si guida una vettura propria; internazionale raccomandata se si noleggia una vettura ( modello convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968)

Assicurazione auto
Le polizze di assicurazione estere non sono valide in Messico.

Assicurazione a breve termine: è possibile stipulare una assicurazione a breve termine della durata di un giorno o di una settimana al prezzo di 10-20 US $ al giorno. È possibile stipulare questo tipo di polizza sia prima di arrivare in Messico che alla frontiera.

Veicoli importati temporaneamente con/senza documenti doganali
Non è richiesto alcun documento doganale per l'importazione temporanea di veicoli in Baja California o nella fascia di 25 miglia dalla frontiera tra gli USA e il Messico.

Per ulteriori informazioni:

Douane mexicaine - Centre de services
Avenida Hidalgo 77, módulo IV, RDC
Colonia Guerrero
Delegación Cuauhtémoc
México DF
(de lundi à vendredi de 9h à 15h et de 16h à 18h)
e-mail : aduana.mexico.usuariosweb2@sat.gob.mx
Internet : http://www.aduanas.sat.gob.mx/    

Norme di guida
Senso di marcia: guida a destra, sorpasso a sinistra. Il sorpasso non è consentito in condizioni di visibilità insufficiente, per esempio nell'approssimarsi a una curva o a meno di 30 m. da un incrocio o da un passaggio a livello.
 L'uso del clacson è proibito a Città del Mexico; nel resto del paese è consentito in caso di necessità. Nel Distrito Federal di Mexico è consentito svoltare a destra al semaforo rosso. La notte, dalle 23 alle 5, agli incroci regolati da semaforo, i conducenti possono passare con semaforo rosso dopo essersi accertati che la strada sia libera.

Equipaggiamento obbligatorio
Cinture di sicurezza e seggiolini per bambini : Nella regione di Città del Messico (D.F.) è obbligatorio indossare le cinture su tutti i sedili della vettura. È proibito trasportare bambini sotto i 5 anni sui sedili anteriori.
Casco di protezione per motociclisti : Nella regione di Città del Messico (D.F.) è obbligatorio indossare un casco per guidare un ciclomotore, una motocicletta o un triciclo motorizzato.
Luci: Tutti i veicoli motorizzati a due/tre ruote devono avere i fari accesi 24 ore su 24. Questa prescrizione si estende a tutti i veicoli in caso di cattiva visibilità.
Triangolo: In caso di emergenza, il triangolo deve essere posto ad almeno 20 m. dal veicolo in zona urbana e ad almeno 100 m. in campagna.

Tasso alcolemico nel sangue 

Per coloro che volessero guidare un autoveicolo, si avverte che spesso la Polizia effettua controlli, anche in città, per la misurazione del tasso alcolemico del guidatore.

Limite consentito:
0,08%
0,05% per i conducenti di veicoli  per il trasporto merci leggero
0,00% per i conducenti di mezzi per il trasporto commerciale di passeggeri

Test di rilevamento: la polizia può fermare qualsiasi conducente sospettato di essere in stato di ebbrezza. Se il risultato del test dimostra che il tasso alcolemico supera il limite consentito, il conducente viene multato e trattenuto per un periodo da 12 a 36 ore in un centro ad hoc, mentre la patente viene sospesa per 15 gg.

Trasporti 

La rete dei collegamenti aerei interni è sostanzialmente affidabile. Ciò consente di raggiungere anche i punti più lontani del Messico, evitando lunghi percorsi su strade non sempre agibili. 

Il circuito di autobus di linea è molto esteso, ma non sempre affidabile. Si consiglia, pertanto, di utilizzare autobus di “prima categoria” (denominati “de lujo”).

La rete ferroviaria, decisamente obsoleta, viene utilizzata quasi esclusivamente per il trasporto delle merci. La linea ferroviaria più utilizzata dai turisti è la “Chichuahua – Los Mochis”, che attraversa la “barranca del cobre”. Per coloro che volessero guidare un autoveicolo, si avverte che spesso la Polizia effettua controlli, anche in città, per la misurazione del tasso alcolemico del guidatore.
Test di rilevamento: la Polizia può fermare qualsiasi conducente sospettato di essere in stato di ebbrezza. Se il risultato del test dimostra che il tasso alcolemico supera il limite consentito, il conducente viene multato e trattenuto per un periodo che può prolungarsi sino a 48 ore in un centro ad hoc, mentre la patente viene sospesa per 15 giorni.

Siti utili per i trasporti urbani:
www.metro.df.gob.mx
www.ste.df.gob.mx/servicios/trenligero.html
siteur.jalisco.gob.mx/  
www.nl.gob.mx/