Dati del paese

bandiera della Spagna Spagna (E) - Europa
 

mappa della Spagna

Capitale: MADRID  
Popolazione: 47.042.984
Superficie: 505.957 Km2 
Fuso orario: stessa ora italiana nella penisola iberica e alle Baleari; -1 ora alle isole Canarie

Lingue:  spagnolo, catalano, basco, gallego.

Religione: cattolica 

Moneta: euro

Prefisso per l'Italia: 0039
Prefisso dall'Italia: 0034

 

Meteo

 Dati meteo non disponibili

 

Ambasciate e Consolati

Ambasciata d'Italia
Cancelleria Diplomatica:
Calle Lagasca, n. 98 - 28006 MADRID Tel. 0034-91-4233300 Fax.0034-91-5757776
Centralino automatizzato consolare (dalla Spagna): 902.050.141.
Web: www.ambmadrid.esteri.it; e-mail: archivio.ambmadrid@esteri.it

Cancelleria Consolare
Calle Agustìn de Betancourt, n. 3 - 28003 Madrid. Tel: 0034-91-2106910 Fax: 0034-91-5546669.
Centralino automatizzato consolare (dalla Spagna): 902.050.141
Call Center consolare (dalla Spagna, a pagamento): 807 300 747
Web: www.consmadrid.esteri.it; e-mail: info.madrid@esteri.it.
Il numero del cellulare di reperibilità del funzionario di turno, attivo per i soli casi d’emergenza tutti i giorni dalle 19 alle 22 e durante i fine settimana (venerdì dalle 15 alle 21; sabato e domenica dalle 9 alle 21) è: 0034.629842287.

 

 

Indirizzi utili

Numeri utili
Soccorso stradale: 91 5949347
Ufficio turistico

  1. vai al sito

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Spagna

Avvisi particolari

Diffuso il 16.06.2014. Tuttora valido.

La Spagna condivide con il resto dell'Europa il rischio di poter essere esposta al terrorismo internazionale. Alla luce delle recenti segnalazioni raccolte riguardo la possibile pianificazione da parte di Al Qaeda e di organizzazioni affiliate di azioni terroristiche in territorio spagnolo, le Autorità locali hanno assicurato di aver preso le misure necessarie per far fronte ad eventuali minacce di attentati.
Sebbene negli ultimi anni non si siano registrati nuovi attentati da parte dell’ETA (le ultime azioni terroristiche risalgono all’estate del 2009), si raccomanda cautela, in particolare in prossimità di installazioni delle Forze dell’Ordine spagnole, nonché, soprattutto nel periodo estivo, nelle principali località turistiche.

Anche nelle grandi città spagnole, così come in gran parte delle metropoli del mondo, si assiste ad una recrudescenza di borseggi e furti con destrezza. Si raccomanda pertanto a tutti i visitatori di mantenere - in ogni momento - un atteggiamento vigile e di usare accorgimenti (quali dividere il proprio denaro in tasche o tra persone diverse, non lasciare mai incustoditi borse, borselli e bagagli, eccetera): per ogni utile approfondimento al riguardo, si rimanda alla home page: www.consmadrid.esteri.it - “Consigli per i turisti”.
Si ricorda – ad ogni buon fine - il numero di emergenza delle Forze dell’Ordine spagnole: 112.

Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo. Si raccomanda altresì - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.).



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese:

Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. E’ necessario viaggiare con uno dei due documenti in corso di validità. Il Paese fa parte dell’UE ed aderisce all’accordo di Schengen.
Per  le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prenda visione del FOCUS “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero” sulla home page di questo sito.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire - documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Vaccinazioni obbligatorie: nessuna

Formalità valutarie  
 In entrata non è prevista nessuna formalità. In uscita dal Paese non viene richiesta nessuna formalità fino a € 10.000,00 per persona per viaggio. Per movimenti di denaro all’interno della stessa Spagna, non sono previste formalità entro i 100.000,00 euro.


Sicurezza

La situazione della sicurezza è in generale più che buona. Le autorità spagnole hanno predisposto, in particolare a Madrid, nuove misure anticrimine, in collaborazione con agenzie di viaggio ed uffici consolari.

Zone a rischio: nessuna

Zone di cautela
Nelle aree di seguito indicate, considerata la frequenza di scippi e furti con destrezza e -in alcuni casi anche con violenza- è necessario mantenere un atteggiamento vigile ed accorto, tipico dei luoghi ad alta densità turistica, al fine di evitare spiacevoli inconvenienti.
a) Madrid: mercato domenicale del "Rastro", Centro Storico e zona della Puerta del Sol, Plaza S. Ana, zone marginali del Parco del "Retiro" in ore notturne, Aeroporto di Madrid Barajas;
b) Barcellona: Porto, le Ramblas, il Raval, il Barrio Gótico, la Sagrada Familia,  Playa de la Barceloneta, i Grandi Magazzini, Aeroporto del Prat, Autostrade e Stazioni di servizio (frequenti casi di rapina sui tratti autostradali, in particolare l'autostrada mediterranea AP7);
A Barcellona sono frequenti i furti a danno di veicoli con targa straniera effettuati da un gruppo organizzato con la seguente tecnica: viene bucata una delle ruote dell’auto parcheggiata o che si trova in mezzo al traffico. Quando il conducente si ferma per verificare il contrattempo, una persona finge di prestare soccorso mentre, approfittando della distrazione, un altro complice sottrae il bagaglio ed eventualmente le borse dall’auto.
c) Zone costiere: Costa Brava, Costa del Sol e principali località turistiche della costa mediterranea;
d) Canarie: località di maggiore affluenza turistica in particolare, Playa de las Americas a Tenerife e Playa del Inglès a Gran Canaria.
e) Siviglia: Barrio de Santa Cruz nelle ore serali. Parcheggi pubblici limitrofi alla Cattedrale (furti nelle autovetture);
f) Palma di Maiorca: centro storico nelle ore serali;
g) Ibiza: centro storico e principali spiagge.

Avvertenze:
Pur avendo annunciato l’ETA, il 5 settembre 2010, una tregua dell’attività armata unilaterale, ribadita con comunicati diffusi nel gennaio e nell’ottobre 2011, non si è verificato l’abbandono e la consegna del loro arsenale. Rimane vivo il rischio di eventuali attentati.

Si raccomanda ai turisti di stare in allerta, di segnalare alla polizia bagagli o oggetti sospetti lasciati incustoditi. Come norma generale di condotta, si suggerisce di rimanere lontani da eventuali manifestazioni di piazza che potrebbero degenerare in scontri, specialmente nelle regioni Basche di San Sebastian e Bilbao.

Si consiglia, inoltre, di effettuare per tempo, specialmente nel periodo estivo, nelle zone turistiche di tutta la costa mediterranea e delle Isole Baleari (ove si registra spesso il tutto esaurito) le prenotazioni alberghiere e di sottoscrivere sempre una polizza assicurativa sanitaria (con massimali adeguati) che comprenda anche l’eventuale rimpatrio d'emergenza del malato.

Si invitano i turisti che si recano in Spagna a consultare il sito della Cancelleria Consolare dell’Ambasciata di Madrid e del Consolato Generale di  Barcellona.
 
Si consiglia di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel Paese sul sito Dove siamo nel mondo .

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga (leggere o pesanti):
In materia di droghe  è utile ricordare che:
• il nuovo codice penale prevede pene più severe nei confronti di detentori di sostanze stupefacenti. Per evitare che la Spagna sia utilizzata come Paese di transito dal Marocco e dall’America Latina verso i mercati del centro Europa, i controlli sono sempre più frequenti ed accurati.
•  Per il reato di traffico di sostanze stupefacenti è prevista la reclusione da 1 a 12 anni, a seconda del tipo di sostanza e della ricorrenza di eventuali circostanze aggravanti, nonché una multa, il cui importo può arrivare fino a 5 volte il valore delle sostanze stupefacenti detenute.

Normativa locale sulla violenza contro le donne (“violenza di genere”)
La legislazione in materia è molto rigorosa: la nuova legge del 2004 ha previsto pene più severe in caso di maltrattamenti (reclusione da due a cinque anni in caso di lesioni; da 6 mesi a un anno in caso di maltrattamenti o minacce). Frequente è il fermo come misura cautelare in attesa dell’udienza preliminare.

Normativa locale prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori:
La legislazione in materia è severa.
Coloro che commettono all’estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti anche al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.
 
In caso di problemi con le autorità locali di Polizia  (stato di fermo o arresto), si consiglia di  informare l’Ambasciata o il Consolato italiano presente nel Paese per la necessaria assistenza.


Situazione sanitaria

La situazione sanitaria è in generale buona.
I cittadini italiani che si recano temporaneamente (per studio, turismo, affari o lavoro) nel Paese (Stato membro dell'Unione Europea) possono ricevere le cure mediche necessarie previste dall'assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), detta Tessera Sanitaria. La TEAM sostituisce i precedenti modelli E110, E111, E119 ed E128 ed è in distribuzione da parte del Ministero dell' Economia e delle Finanze. Coloro che non l'avessero ancora ricevuta, possono rivolgersi alla propria ASL e richiedere il "Certificato sostitutivo provvisorio".
Per maggiori informazioni al riguardo, si consiglia di consultare la propria ASL o il sito del Ministero della Salute: www.ministerosalute.it  (Aree tematiche "salute e cittadino"; assistenza italiani all'estero e stranieri in Italia).
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, una assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario  o il trasferimento in altro Paese.
 
 Nessuna vaccinazione obbligatoria
Si ricorda, infine, l’opportunità di consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché di sottoscrivere – prima della partenza – una assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).


Viabilità

Patente
Italiana.

Assicurazione auto
La polizza assicurativa italiana dà copertura anche in Spagna.

Si ricorda a chi guida all'estero un'auto non propria che è consigliabile avere una delega a condurre del proprietario, con firma autenticata .

Equipaggiamento obbligatorio
Casco di protezione per motociclisti: obbligatorio per motocicli di cilindrata superiore a 125 cm3.

Cinture di sicurezza: obbligatorio allacciarle su tutti i sedili che ne sono equipaggiati.

Seggiolino per bambini:  un bambino minore di 3 anni deve esser posizionato in un seggiolino adatto alla sua taglia. Da 3 a 12 anni può viaggiare sul sedile anteriore di una vettura se viene posizionato in un sedile omologato per bambini, altrimenti dovrà viaggiare sui sedili posteriori utiizzando una cintura di sicurezza per adulti.

Gilet di sicurezza retroriflettente:  deve  essere indossato dal conducente che scenda dal veicolo immobilizzato sulla carreggiata o sul lato della strada al di fuori dei centri abitati; il gilet deve essere conforme alle norme UE. La polizia non  multa un automobilista straniero che non abbia il gilet a bordo (ma si viene multati se si scende sulla carreggiata senza gilet, fuori dei centri abitati).

Multe e sanzioni

 Si segnalano gli inconvenienti a cui sono soggetti i proprietari e conduttori di veicoli allorché incorrono in contravvenzioni (in genere per eccesso di velocità – limite in autostrada 120 km/h - o per mancato utilizzo delle cinture di sicurezza) e non sono in grado di provvedere al contestuale pagamento delle multe inflitte, spesso onerose. Il codice della strada spagnolo prevede, infatti, che  ai contravventori inadempienti non residenti in Spagna venga applicata, a titolo precauzionale e sino al pagamento della multa, il blocco del veicolo.
Si segnalano anche i rigidi controlli alcolemici effettuati dalle forze di Polizia soprattutto nei fine settimana. Si consiglia vivamente di non mettersi al volante dopo aver assunto bevande alcoliche. Il rifiuto ad assoggettarsi alla prova alcolemica  è considerata una grave infrazione.

Le percentuali massime consentite sono le seguenti: 

CONDUCENTI LIMITE NELL’ARIA ESPIRATA*
(1) TURISTI 0'25 mg/l
(2) PROFESSIONISTI  0'15 mg/l
(3) JUNIOR  0'15 mg/l

Dal 1 luglio 2006 la Spagna ha introdotto la patente a punti con severi controlli su tutta la  rete stradale ed autostradale. 

Rete autostradale: le autostrade sono a pagamento, si può pagare al casello, in contanti o con carta di credito. 

Si informa che possono ancora risultare particolarmente meticolosi i controlli alla frontiera terrestre tra Gibilterra e la Spagna (La Linea de Concepción). Le attese per autoveicoli e motociclette in ingresso ed in uscita da Gibilterra si protraggono, a volte, per lunghe ore. Si sconsiglia di programmare visite in giornata a Gibilterra dalle limitrofe località spagnole, a meno di non essere disposti ad affrontare possibili prolungate attese e code al posto di frontiera.