Dati del paese

bandiera della Thailandia Thailandia (T) - Asia

mappa della Thailandia

Capitale: BANGKOK
Popolazione: 68.100.000
Superficie: 514.000  km2
Fuso orario: +6h rispetto all'Italia; +5h quando in Italia è in vigore l'ora legale.

Lingue: thailandese ed inglese, ma quest'ultima solo nella capitale Bangkok e nelle principali località turistiche.

Religioni: buddista, minoranze musulmana e cristiana.

Moneta: Baht

Prefisso per l'Italia: 00139
Prefisso dall'Italia: 0066

 

Meteo

 Dati meteo non disponibili

 

Ambasciate e Consolati

Ambasciata d'Italia a BANGKOK
CRC Tower, CRC Tower, All Seasons Place
40° piano (Cancelleria Consolare al 27mo Piano)
87 Wireless Road
Lumphini, Pathumwan
Bangkok 10330
Prefisso dall’Italia 0066
Tel. (0)2 250 4970 Centralino
Fax: (0)2 250 4988 Ufficio Consolare
Cellulare attivo solo per emergenze fuori orario di servizio: 0066 (0) 818256103 

E-mail: ambasciata.bangkok@esteri.it
consolare.bangkok@esteri.it
Home page: www.ambbangkok.esteri.it

 

Indirizzi utili

Telefoni utili 
Soccorso stradale:
02 9395770
Emergenze: 191
Polizia turistica: 1155
Servizi turistici: 1672

Dove siamo nel mondo

Stai per visitare questo paese?
Registra il tuo viaggio nel sito "Dove siamo nel mondo" per essere rintracciato in caso di emergenza.

  1. Vai al sito dove siamo nel mondo

Consulta la scheda


Visualizza e stampa la scheda Visualizza e stampa la scheda

 

Schede paesi limitrofi



Prima di partire

Sono presenti contenuti su questo paese nella sezione Salute in viaggio

Centri di vaccinazione

Lista completa di tutti i centri di vaccinazione sul territorio italiano.

 

Passaporto

Guida completa per il rilascio del passaporto, dal sito della Polizia di Stato.

  1. vai al sito

 

Patente internazionale

Tutte le informazioni utili per ottenere in Italia la patente internazionale di guida, dal sito dell'ACI.

  1. vai al sito

 

Tassi di cambio

Convertitore aggiornato con tutte le valute del mondo, a cura della Banca d'Italia

  1. vai al sito


Servizio realizzato in collaborazione con:

logo ACI

Home > I Paesi > Thailandia

Avvisi particolari

Diffuso il 08.04.2014. Tuttora valido.

Sicurezza

Perdura lo stallo politico in Thailandia. Non è ancora stata fissata la data di nuove elezioni e la situazione politica rimane molto incerta.
Benché alla base della complessa vicenda thailandese vi sia uno scontro ideologico e politico puramente interno, che non ha quindi alcuna connotazione xenofoba, la contrapposizione tra gli schieramenti opposti è comunque radicata ed eventuali frizioni tra diverse fazioni rischiano di coinvolgere anche gli stranieri (dal mese di novembre 2013 gli scontri di piazza hanno provocato oltre venti morti e centinaia di feriti).

Ai residenti e ai turisti si raccomanda quindi cautela e si invitano i connazionali presenti a Bangkok a mantenersi lontani da ogni tipo di assembramento, in particolare da quello del People's Democratic Reform Committee (PDRC) a Lumpini Park.

Rimangono sconsigliati i viaggi nelle province di Si Sa Ket (distretto di Kantharalak) ed in prossimità del confine con la Cambogia, dove una disputa di confine tra i due Paesi non si è ancora del tutto risolta e permane una massiccia presenza di militari e Forze di Polizia, che dovranno a breve riposizionarsi sulla base di una recente sentenza della Corte Internazionale di Giustizia. Sono sempre frequenti gli atti terroristici nelle Province meridionali del Paese. A causa del terrorismo separatista, vige dal 2005 lo stato di emergenza nelle Province del sud (ove risiede la maggioranza della popolazione musulmana) di Yala, Narathiwat e Pattani, nonché nei Distretti di Jana, Nathawee, Thepha e Sabayoi (nella Provincia di Songkhla). Si raccomanda di evitare viaggi nelle predette zone, se non motivati da effettiva necessità e, in ogni caso, di informarsi sull'evoluzione della situazione poiché non accenna a fermarsi lo stillicidio di attentati che hanno come obiettivo la comunità buddista residente.


Clima

Anche se la stagione delle piogge è ormai volta al termine, permane tuttavia il rischio di un deterioramento meteorologico a causa delle tempeste tropicali che stanno attualmente interessando l’area. Come buona norma precauzionale si consiglia, anche nella capitale Bangkok e nelle altre principali destinazioni turistiche, di seguire l’evolversi della situazione meteorologica attraverso gli organi di informazione locali (http://www.tmd.go.th/en/ - specialmente sul link WARNINGS), in particolare nelle aree a rischio sismico o tsunami (quali le zone costiere del Mare delle Andamane), ed il proprio agente di viaggio. Si consiglia, inoltre, di consultare il FOCUS “Allarmi Meteo” sulla home-page di questo sito.


Sanità

Dall’inizio del 2013 è stato registrato un aumento dei casi di febbre “dengue” con decine di decessi. La zona maggiormente interessata è il nord del Paese. Le Autorità sanitarie locali stanno intensificando le misure preventive e di controllo contro il diffondersi dell’epidemia. Si raccomanda pertanto di attenersi alle precauzioni sanitarie usuali nei Paesi tropicali e a sottoporsi a visita medica in caso di sintomi influenzali o comunque fuori dall’ordinario.

Si consiglia, infine,  ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito DoveSiamoNelMondo. Si raccomanda altresì - una volta in loco - di recare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio, conservando gli originali in luoghi custoditi (albergo etc.).

Si ricorda, infine, l’opportunità di consultare la guida predisposta dal Ministero della Salute al presente link, nonché di sottoscrivere – prima della partenza – una assicurazione che copra eventuali spese sanitarie (anche per il rimpatrio o il trasferimento aereo in un altro Paese).



 

Informazioni generali

Documentazione necessaria all'ingresso nel Paese 

Passaporto: necessario per l'ingresso nel Paese, deve avere validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo e almeno due pagine libere rimanenti per l’apposizione del visto. I turisti, per legge, sono tenuti a portare sempre con sé il proprio passaporto originale. Si sono verificati casi di turisti arrestati perché sprovvisti del documento.

Viaggi all’estero dei minori: si prega di consultare il Focus: “Prima di partire/ documenti per viaggi all’estero di minori” sulla home page di questo sito.

Visto d’ingresso: non è necessario per soggiorni per motivi di turismo non superiori ai trenta giorni. All’arrivo in Thailandia per via aerea viene apposto sul passaporto un timbro che consente la permanenza nel Paese per 30 giorni. In caso di varco di frontiera terrestre, tale periodo può invece essere limitato a 15 giorni. Visti turistici di più lunga durata o altre tipologie di visto (studio, lavoro, ecc.) sono da richiedere all'Ambasciata o al Consolato thailandese presente in Italia. La permanenza oltre i termini è considerata reato e porta all’arresto laddove non si paghi la multa relativa.

Formalità valutarie
Non sussistono particolari formalità per ragionevoli quantitativi di valuta. 

Divieti e limitazioni di importazione
Le Autorità thailandesi applicano scrupolosamente la normativa locale doganale che disciplina l’importazione o l’introduzione nel Paese al proprio seguito di particolari categorie di beni. In particolare, si raccomanda di prestare attenzione alle disposizioni concernenti i tabacchi. Al riguardo, possono essere introdotti in Thailandia in esenzione doganale fino a 200 sigarette (o fino a 250 grammi di tabacco o una quantità mista dei due articoli di peso complessivo non superiore ai 250 grammi). Il superamento di questo limite comporta il pagamento al valico di frontiera di tariffe molto onerose, che possono portare alla detenzione se non saldate immediatamente.
E’ altresì proibita l’introduzione nel Paese di alcune categorie di beni quali materiale pornografico, prodotti e valuta contraffatti, specie animali protette, ecc.
Per altri beni infine l’importazione e l’esportazione è soggetta a restrizioni, ad esempio:
- armi da fuoco e munizioni: è richiesto un permesso speciale rilasciato dalla Polizia Nazionale;
- pezzi di ricambio per veicoli: non possono essere importati in franchigia e necessitano di un permesso del Ministero dell’Industria;
- oggetti antichi ed oggetti legati alla religione non possono essere esportati senza un permesso rilasciato dal Dipartimento dei Musei Nazionali (informazioni tel. 0066 22261661).

Si raccomanda vivamente di acquisire, prima di intraprendere il viaggio, informazioni aggiornate sulle disposizioni normative rilevanti, consultando il sito http://www.customs.go.th/Customs-Eng/indexEng.jsp. Si segnala che le Autorità thailandesi irrogano severe sanzioni nei confronti di chi non rispetta tali norme, che si traducono nella comminazione di multe ingenti o nella detenzione.

Animali domestici

I cani ed i gatti devono avere un certificato di buona salute in inglese, firmato dal veterinario del paese d’origine che attesti: età, razza, sesso, colore e specie dell’animale ed anche nome ed indirizzo del proprietario o dell’allevamento. Gli animali devono essere vaccinati almeno 21 giorni prima della partenza contro: rabbia, cimurro, leptospirosi, epatite, parvovirosi. Può accadere che l'animale venga messo in quarantena e sottoposto a test medici, a spese del proprietario. Per ulteriori informazioni si consiglia di contattare il seguente ufficio:

Department of Livestock Development Phayathai Road Bangkok 10400 Thailand Tel. 02 (66) 6534-444, Fax: 02 (66) 6534925
Email: foreign@dld.go.th e quarantine_dcontrol@dld.go.th


Sicurezza

Vedere anche la sezione “Avvisi Particolari”. 

Rimane fortemente instabile la situazione di sicurezza nelle regioni del sud del Paese a maggioranza musulmana, dove dal 2004 quasi quotidianamente si registrano attentati con vittime e feriti.
In ogni caso, si consiglia in generale un atteggiamento di cautela in ogni area del Paese.

ZONE A RISCHIO
Le 3 Province meridionali del Paese al confine con la Malesia (Yala, Pattani, Narathiwat). Inoltre, se i viaggi sono indispensabili, si consiglia di evitare anche le Province di Satun e Songkhla, per il ricorrente verificarsi di violenze ed attentati terroristici. 

L'area adiacente al tempio di Preah Vihear, nel distretto di Kantharalak (nella provincia di Si Sa Ket), nelle zone in prossimità del suo confine con la Cambogia. Qui sin dal luglio 2008 si sono verificati esplosioni di mine e diversi scontri armati tra militari e paramilitari thailandesi e cambogiani, ivi stanziati stabilmente, per via di una disputa di confine al momento non ancora risolta.

ZONE DI CAUTELA: si consiglia di adottare particolare cautela nelle zone a nord del Paese, in quelle al confine con Laos e Birmania e ad est, al confine con la Cambogia.
Si consiglia di evitare aree in cui siano in corso manifestazioni di piazza e assembramenti o aree soggette ad allagamenti durante e dopo la stagione delle piogge.
Si consiglia altresì di prestare particolare cautela nelle aree a rischio sismico o tsunami, quali le zone costiere del Mare delle Andamane.

ZONE SICURE: tutte le aree normalmente aperte al turismo. Le città thailandesi sono, in linea di massima, sicure. Può essere tuttavia opportuno evitare, soprattutto nelle ore serali, le zone periferiche, così come quelle in cui si svolgono attività non connesse con il turismo propriamente detto.

AVVERTENZE:
- si consiglia di registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare nel sito Dove siamo nel mondo;
- la popolazione è cortese ma occorre evitare liti o alzare la voce nelle discussioni con cittadini locali, specie se in pubblico, per evitare spiacevoli reazioni;
- la frequentazione di locali di dubbia fama presenta pericoli anche di borseggio, oltre a rischi di somministrazione nei drink degli avventori di sostanze stupefacenti, con successivi episodi di furto;
- l’uso delle carte di credito va fatto con attenzione in quanto si sono verificati numerosi casi di clonazione, anche in centri commerciali;
- si raccomanda, sempre, dopo ogni acquisto di tenere con sé la ricevuta del relativo pagamento, anche alla luce del fatto che i controlli, specie nei grandi magazzini e negli aeroporti, sono molto accurati ed eventuali contestazioni possono portare anche a severe conseguenze;
- a tale riguardo, si raccomanda di prestare la massima attenzione quando si procede agli acquisti presso i negozi duty-free dell’aeroporto internazionale Suvarnabhumi di Bangkok. Tali strutture sono sovente munite di espositori collocati in aree aperte dotate di telecamere e sensori anti-furto che possono essere facilmente attivati anche qualora, nel visionare il prodotto, si fuoriesca, sia pur inavvertitamente, dall’area del negozio. La legge thailandese in materia di furto o tentato furto è molto severa e contempla pene detentive anche per articoli di modico valore.
- sono stati segnalati anche casi di truffe da parte di negozi specializzati nella vendita di gioielli. Si raccomanda pertanto di procedere all’acquisto di oggetti di valore solo presso punti vendita di cui si conosce l’affidabilità.
- la circolazione stradale è assai pericolosa ovunque e negli ultimi anni è stato riscontrato un elevato numero di incidenti che hanno coinvolto diversi connazionali, con conseguenze anche molto gravi. Spesso vengono noleggiati automobili e motociclette che presentano scarse garanzie di sicurezza. La mancanza di esperienza nella guida con senso di marcia a sinistra e la circolazione caotica e disordinata sono spesso causa di tali incidenti. Si consiglia pertanto di valutare con attenzione l'opportunità o meno di noleggiare un’autovettura o una motocicletta. L'utilizzo del casco è comunque obbligatorio per i motociclisti. Si raccomanda in ogni caso la stipula di un’assicurazione RC con adeguato massimale e comunque di un’assicurazione sanitaria che copra anche infortuni e/o incidenti e rimpatrio sanitario, con un massimale adeguato, tenendo presente che i costi presso strutture ospedaliere locali private sono analoghi a quelli delle cliniche private europee.
- si sono verificati anche casi di infortuni a bordo di motoscafi. Si raccomanda di prestare la massima attenzione nella scelta della compagnia e considerare che sovente alla potenza dei natanti non corrisponde un’analoga competenza di chi li conduce.
- sono stati riportati numerosi casi di truffe nel noleggio di moto d’acqua/jet ski nelle principali località balneari e si consiglia quindi di prestare la massima attenzione nella scelta del noleggio:
-  si è recentemente registrata un’intensificazione degli “scippi” nel centro di Bangkok, in particolare nelle ore serali quando il traffico consente la fuga in moto dei malviventi. Si raccomanda cautela soprattutto nelle zone maggiormente frequentate dagli stranieri.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droghe (leggere o pesanti): la normativa sulla droga è molto severa anche per limitate dosi di stupefacenti (anche se solo per consumo personale) e, in caso di flagranza di reato, è difficile per l’Ambasciata intervenire. Le pene previste in Thailandia per lo spaccio ed il possesso di stupefacenti sono severissime; nei casi più gravi è prevista la pena capitale, a volte commutabile in ergastolo.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori: la normativa per i reati contro la morale, se commessi ai danni di minorenni, prevede pene detentive sino ai quaranta anni di reclusione. I reati di droga e quelli sui minori, nei quali spesso incorrono i visitatori in questo Paese in apparenza tollerante, sono trattati con la massima severità. Va inoltre ricordato che coloro che commettono all'estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione) vengono perseguiti al loro rientro in Italia sulla base delle leggi in vigore nel nostro Paese.

Normativa prevista per reato di lesa maestà: è in vigore una rigida normativa che disciplina il reato di lesa maestà e prevede pene molto severe, inclusa la reclusione fino a 15 anni. Il vilipendio e le critiche alla persona del Sovrano e/o degli altri membri della famiglia reale – oltre che alla religione buddista – possono, infatti, provocare imprevedibili reazioni da parte della popolazione e delle Autorità locali, nonostante la grande tolleranza che è normalmente in uso nel Paese.

In caso di problemi con le autorità locali di Polizia (stato di fermo o arresto) si consiglia di informare l'Ambasciata per la necessaria assistenza.


Situazione sanitaria

Strutture sanitarie:   Lo standard qualitativo delle strutture ospedalieri pubbliche è buono. Le strutture sanitarie private sono ottime.
 
Malattie presenti: La diffusione dell' AIDS è elevata. Si riscontrano focolai di malattie tropicali, (es. malaria, encefalite giapponese, casi sporadici di lebbra). La febbre dengue è presente in Thailandia come in gran parte del sud-est asiatico.
Negli ultimi mesi si è verificato un netto incremento dei casi di febbre Chikungunya nelle province del sud della Thailandia. Il virus si contrae a seguito della puntura di zanzare infette e si manifesta con sintomi simili a quelli della febbre dengue (febbre, dolori ossei e muscolari, mal di testa, stanchezza, nausea e vomito). Si consiglia, pertanto, di adottare durante la permanenza nel Paese misure preventive contro le punture di zanzare indicate nel "FOCUS" “Sicurezza sanitaria – Misure preventive contro malattie trasmesse da puntura di zanzara” sulla home page di questo sito.
Dal gennaio 2004 nuovi focolai di influenza aviaria sono apparsi in tutto il sud-est asiatico. Dall'inizio della malattia sono stati segnalati alcuni casi di contagio da animale ad uomo. La situazione è costantemente monitorata dalle Autorità sanitarie thailandesi, che adottano le misure di controllo e prevenzione del caso.
 
 
Avvertenze: Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere un viaggio, una polizza assicurativa sanitaria adeguata (le strutture sanitarie locali non sono gratuite e quelle private hanno costi molto elevati) che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'eventuale rimpatrio del malato.
Si suggerisce di mangiare carne di volatili e uova solo se ben cotte.
Si consiglia durante la permanenza di: non consumare cibi e/o bevande di dubbia provenienza, bere solo acqua e bibite in bottiglia senza l'aggiunta di ghiaccio se non in esercizi pubblici che forniscono garanzie di igiene; dissetarsi con frequenza, per prevenire gli inconvenienti legati a fenomeni di disidratazione frequenti nei paesi tropicali.
 
 E’ obbligatorio il vaccino contro la febbre gialla per tutti i viaggiatori superiori all’anno d’età provenienti da Paesi in cui la febbre gialla é a rischio trasmissione, nonchè per tutti i viaggiatori che abbiano anche solo transitato per più di 12 ore nell’ aeroporto di un Paese in cui la febbre gialla é a rischio trasmissione.

 


Viabilità

Patente

Viene riconosciuta la patente internazionale secondo il modello della Convenzione di Ginevra del 1949.


Assicurazione
Poiché nessuna polizza assicurativa straniera è riconosciuta, bisogna stipulare una polizza temporanea in frontiera in entrata nel paese.

E' consigliato il "carnet di passaggio in dogana" per veicoli importati temporaneamente. Si può importare un veicolo in Thailandia per una durata massima di 6 mesi. Per ulteriori informazioni sul CPD si consiglia di consultare il seguente link: www.aci.it/index.php?id=2090

Norme di guida

Guida a sinistra, sorpasso a destra 

Casco per motociclisti: obbligatorio

Cinture di sicurezza: è obbligatorio indossarle sui sedili anteriori

Tasso alcolemico: il limite è di 0,05%.

Collegamenti aerei con l'Europa: quasi tutte le maggiori linee aeree europee volano su Bangkok. 

Trasporti in generale: autobus, treni e collegamenti aerei coprono tutto il Paese.