Febbre gialla

Cos’è la febbre gialla?

La febbre gialla è una malattia grave causata da un virus. Viene trasmessa tramite la puntura di una zanzara e non può essere trasmessa direttamente da persona a persona.
La trasmissione avviene in certe zone dell’ Africa e del Sud America.

La febbre gialla può causare:

  • febbre e sintomi tipo influenza
  • ittero (pelle e occhi gialli)
  • danni al fegato, al rene, al polmone e ad altri organi
  • vomito ematico
  • morte

Di solito per i pazienti con febbre gialla  è necessario il ricovero.


Come si può prevenirla?


Il vaccino specifico per prevenire la febbre gialla viene effettuato presso i centri autorizzati. Dopo la somministrazione del vaccino viene rilasciato dal centro un certificato internazionale di vaccinazione, che diviene valido 10 giorni dopo la data della vaccinazione (momento in cui inizia la sua efficacia) e rimane valido per 10 anni. Questo certificato è obbligatorio per l’ingresso in alcuni Paesi.
Per conoscere i paesi per i quali è indicata la vaccinazione consultate il medico del centro di medicina dei viaggi o collegatevi al sito www.cdcgov/travel.
E’ necessario riferire al medico l’itinerario del viaggio per la valutazione della indicazione alla vaccinazione.


Chi dovrebbe essere vaccinato?

  • Persone con più di 9 mesi di età che si recano in paesi che richiedono obbligatoriamente la vaccinazione.
  • Persone con più di 9 mesi di età che si recano in paesi che non richiedono obbligatoriamente la vaccinazione ma dove esiste il rischio di contagio

Chi si reca ripetutamente in zone endemiche per la febbre gialla o vi si stabilisce deve ricevere una dose di richiamo del vaccino dopo 10 anni.
Il vaccino per la febbre gialla può essere somministrato contemporaneamente alla maggior parte degli altri vaccini.

Chi non può essere vaccinato?

  • Persone che hanno già avuto una grave reazione allergica alle uova, al pollo, alla gelatina o a una precedente dose di vaccino anti febbre gialla.
  • Bambini di età inferiore a 9 mesi. Per i bambini di età compresa tra i 6 e gli 8 mesi che per assoluta necessità debbano viaggiare in area endemica il rischio legato al vaccino in questa fascia di età deve essere discusso con il medico. La vaccinazione è assolutamente controindicata nei bambini di età inferiore ai 6 mesi.

  • Le donne incinte o che allattano dovrebbero evitare o posticipare un viaggio in zona endemica per febbre gialla. Se il viaggio non può essere assolutamente evitato, il rischio legato alla vaccinazione per queste persone deve essere discusso con il medico.

Durante il colloquio con il medico precedente alla vaccinazione deve essere chiarito se esiste una di queste condizioni:

  • Una storia di allergia all’uovo, al pollo o alla gelatina
  • L’infezione da HIV o un’altra malattia che comprometta il sistema immunitario
  • Una terapia per più di 2 settimane con farmaci che deprimono il sistema immunitario, come i cortisonici
  • La diagnosi di qualsiasi forma di tumore
  • Una terapia farmacologica antitumorale o una radioterapia
  • Una malattia del timo

Per le persone di età superiore ai 65 anni è necessaria una valutazione con il medico del rapporto tra i rischi e i benefici della vaccinazione, nel contesto del rischio personale di esposizione al virus della febbre gialla, considerando le zone di destinazione del viaggio.

Se il viaggio si svolge in paesi nei quali la vaccinazione viene richiesta, e non può essere effettuata per motivi medici, il medico vi fornirà un certificato che attesti questa situazione.

Se la vaccinazione non può essere effettuata è necessario seguire scrupolosamente le indicazioni sulla protezione dagli insetti e i consigli sui comportamenti più sicuri.

Altre misure di prevenzione

Come per altre malattie trasmesse dalle zanzare, per prevenire l’esposizione al virus della febbre gialla sono raccomandate precauzioni e prodotti repellenti per gli insetti.

Le precauzioni comprendono soggiornare preferibilmente in aree protette (importanti le zanzariere alle finestre o sui letti), indossare abiti che coprano la maggior parte del corpo (maniche lunghe, pantaloni lunghi) e di colore chiaro, l’uso dei repellenti per insetti sulla pelle e sugli abiti. Tra i repellenti la N,N-diethyl-m-toluamide o DEET è il più efficace disponibile e con il più ampio spettro d'azione (zanzare, zecche, mosche).