Anziani

Gli anziani, se non portatori di particolari patologie, possono affrontare viaggi con le medesime precauzioni dei giovani adulti, anche se è bene consultare prima della partenza il proprio medico curante ed un centro di medicina dei viaggi, al fine di valutare i rischi del viaggio, eventuali vaccinazioni da effettuare e le medicine da portare con sé.
Particolare attenzione va posta ai viaggi aerei soprattutto se lunghi, per il rischio di trombosi venose del polpaccio, per cui è bene avere durante il viaggio calzature comode, calze contenitive e soprattutto è consigliabile alzarsi ogni tanto durante il volo e muovere le gambe. Se necessario può essere utile somministrare, alle persone più a rischio, degli anti aggreganti o anticoagulanti sempre dopo consultazione medica.

Il viaggio aereo è controindicato in caso di anemia grave e cardiopatie, quali scompenso, infarto o ictus recente, angina pectoris. E’ sconsigliato il soggiorno in aree tropicali nelle stagioni caldo-umide, in quanto la disidratazione e lo squilibrio elettrolitico, conseguente al caldo o a eventuali disturbi intestinali, può instaurarsi con più facilità e con effetti più rilevanti, a causa di una ridotta funzionalità renale ed un minore percezione del senso della sete.

Bisogna inoltre ricordare che nel viaggiatore anziano vi può essere una riduzione dei meccanismi fisiologici di compenso, a seguito della riduzione della forza muscolare e dell’elasticità delle articolazioni. Ad esempio, gli anziani sono più soggetti ad eventuali traumatismi; a causa dei tempi di recupero più lunghi possono accusare più velocemente a stanchezza fisica ed affaticamento; sono più soggetti ai colpi di calore per una ridotta capacità di traspirazione della cute e della dilatazione dei vasi sanguigni; potrebbero inoltre essere più esposti alle infezioni perché in senescenza si ha molto spesso una riduzione della capacità del sistema immunitario di produrre anticorpi protettivi. Per quel che riguarda i vaccini, il viaggio può rappresentare un’occasione utile per verificare la copertura delle vaccinazioni di base quali il vaccino antitetano, antipoliomielite, antidifterite.

Non vi sono controindicazioni ai vaccini legate all'età. Si deve tuttavia segnalare che le vaccinazioni nei soggetti di età superiore ai 65 anni richiedono maggiore prudenza: in particolare la risposta immune a seguito della vaccinazione può essere più ritardata rispetto a quella dei soggetti più giovani e pertanto i vaccini dovrebbero essere somministrati con maggiore anticipo rispetto al viaggio in questo gruppo di individui; in secondo luogo alcuni vaccini, come quello della febbre gialla possono avere una percentuale di effetti collaterali maggior nei viaggiatori di età superiore ai 65 anni (Leder K et al. Travel vaccines and elderly patients: review of vaccine available in the United States. Clin Infect Dis 2001;33(9):1553-66).